comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 15°22° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 29 settembre 2020
corriere tv
Lecce, gli inquirenti: «Omicida voleva legare i fidanzati, verosimilmente per torturarli»

Attualità venerdì 31 luglio 2020 ore 08:26

Il 31 luglio c'erano le mine sui ponti di Firenze

Era l'estate del 1944 quando i fiorentini hanno abbandonato le loro abitazioni per rifugiarsi dentro le stanze della Galleria di Palazzo Pitti



FIRENZE — Il 31 luglio del 1944 i ponti di Firenze venivano minati mentre gli sfollati trovavano rifugio a Palazzo Pitti, a ricordare quel giorno è oggi il Comune di Firenze. 

"Gli alleati premono da sud e le brigate partigiane sono unite in vista dell’insurrezione: ormai si avvicina lo scontro definitivo per il controllo della città e il comando tedesco gioca l’ultima carta per rallentare la marcia del nemico e ritardare la disfatta, far saltare i ponti sull’Arno". 

Il 29 luglio arriva l’ordine agli abitanti di Borgo San Jacopo, via dei Bardi, via Guicciardini, via Por Santa Maria di abbandonare le abitazioni ed il 31 luglio i nazisti minano i ponti compreso il Ponte Vecchio. 

Gli sfollati cercano rifugio presso amici e parenti e a centinaia si ritrovano nelle stanze di Palazzo Pitti che la Soprintendenza mette a disposizione dei cittadini rimasti senza casa e così, in mezzo ai capolavori della Galleria Palatina, viene allestito un vero e proprio campo profughi, con coperte e pasti caldi.

Il documentario ‘Firenze in guerra, 1944’ di Massimo Becattini e Renzo Martinelli


Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità