QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 26° 
Domani 18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 24 marzo 2019

Cronaca venerdì 23 dicembre 2016 ore 13:52

Specialisti dei furti rastrellati nel campo rom

Blitz dei carabinieri per smantellare una banda di jugoslavi che nei mesi scorsi ha saccheggiato numerose abitazioni an Sesto, Firenze e San Casciano



SESTO FIORENTINO — Erano specializzati nei furti di abitazione e nei mesi scorsi hanno messo a segno parecchi colpi a Firenze, Sesto e in una zona particolare di San Casciano, l'area ex Stianti. Ma le descrizioni fornite da alcuni testimoni hanno consentito ai carabinieri di incastrarli. Stiamo parlando di tre donne e due uomini di etnia rom, di età compresa fra i 28 e i 40 anni, tutti parenti fra loro, che questa mattina sono stati arrestati nel campo nomadi di Sesto Fiorentino dopo un'attentissima perlustrazione dei militari fra le baracche e le roulottes.

Durante l'operazione i carabinieri hanno ritrovato anche strumenti per lo scasso, gioielli, apparecchiature informatiche, ricetrasmittenti, sette borse firmate Louis Vuitton e Gucci, un orologio Longines rubato in una casa del Galluzzo quasi due anni fa.

Stando ad alcuni testimoni interrogati durante le indagini, la banda si muoveva su un'auto che è stato notata più volte a San Casciano proprio nella zona maggiormente bersagliata dai furti. Altri dettagli hanno portato all'identificazione degli indagati.

I carabinieri contestano in particolare agli indagati un furto messo in atto nel dicembre 2015 in un condominio di San Casciano; una rapina impropria in un condominio dove i ladri furono colti sul fatto da un residente che li costrinse alla fuga dopo averlo violentemente spintonato; la ricettazione dell'orologio Longines;  un altro furto messo in atto nel marzo di quest'anno in un condominio di Sesto Fiorentino a cui ha partecipato anche un minorenne. In quest'ultima occasione, i ladri furono interrotti dal vigilante di una fabbrica che, dopo essersi accorto dei rom in azione visionando le telecamere di controllo, chiamò le forze dell'ordine.

Tutti e cinque i rom sono stati rinchiusi a Sollicciano.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità