Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:FIRENZE19°27°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 05 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccini, Speranza: «Unico strumento per chiudere questa stagione difficile»

Attualità giovedì 29 aprile 2021 ore 13:42

Usca, le storie dei reparti anti-Covid a domicilio

I medici Ruggero e Irene, gli infermieri Stefano e Gemma, l’oss Laura fanno parte delle Unità Speciali di Continuità Assistenziale contro il Covid-19



FIRENZE — A un anno dalla costituzione le Unità Speciali di Continuità Assistenziale, si raccontano attraverso le storie di chi, medico o infermiere o Oss, ha fatto parte delle squadre attive 12 ore al giorno, 7 giorni su 7.

Sono 40 le squadre Usca che a Firenze hanno effettuato in un anno di lavoro oltre 13.000 visite totali fra quelle a domicilio, negli alberghi sanitari e nelle Rsa, a cui si aggiungono più di 23.000 contatti telefonici e 5.000 tamponi domiciliari. L’attività di vaccinazione, nelle strutture residenziale e di supporto nei presidi ospedalieri e territoriali e ora a domicilio, per i soggetti estremamente vulnerabili e anziani, conta ad oggi un totale di circa 6000 vaccini effettuati.

“Lasciare la squadra? No. Se all’inizio è stato un salto nel vuoto - racconta Stefano, infermiere Usca che ne fa parte oramai da un anno - oggi i valori costruiti, l’espressione della professionalità, l’integrazione e il sempre presente bisogno di dar risposta al mondo Covid mi fanno restare pienamente convinto e attore di una scelta consapevole”. Aggiungono Gemma e Laura, infermiere e Oss Usca: “Le varie figure professionali si supportano, dandosi forza l'una con l'altra”.

“Ricordo le ansie e le preoccupazioni - dice dei primi giorni Irene, medico Usca - Qualcosa si stava muovendo, si stava creando, qualcosa di nuovo, sul territorio con una dinamicità a cui non si è abituati. E in parte ero grata di esserne parte”. 

“Qualche tempo fa abbiamo seguito a casa con visite quotidiane una signora anziana con una brutta polmonite - racconta Ruggero, referente medico Usca e iscritto al corso di formazione in medicina generale - In una delle ultime visite mi ha accolto con un ‘dottore mi ha salvato la vita’. Questi momenti ci danno la carica per andare avanti”.

Il personale medico e infermieristico, ha potuto attuare a domicilio più di 350 ecografie e più di 1000 emogasanalisi e da qualche mese può utilizzare anche l’elettrocardiografo, servizi che in precedenza erano svolti solo in strutture sanitarie. Ad integrazione del servizio sono state garantite le sostituzioni di PEG e l’effettuazione delle radiografie domiciliari. 

“Abbiamo costruito un percorso multiprofessionale - ha detto il direttore della Società della Salute Firenze, Marco Nerattini - per portare a casa del cittadino un servizio integrato. Un obiettivo su cui contiamo e a cui ci affidiamo anche per il futuro”. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il conducente del mezzo pesante è rimasto ferito e fra Incisa Reggello e Firenze Sud l'autostrada è rimasta bloccata con code di molti chilometri
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Sport

Attualità

Attualità