QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 17°17° 
Domani 14°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 23 ottobre 2019

Attualità martedì 13 agosto 2019 ore 18:00

"Tram in centro? Inutile se non passa dal Duomo"

I consiglieri di destra a Palazzo Vecchio, Cellai, Razzanelli e Draghi criticano il progetto del prolungamento verso il nodo Libertà - San Marco



FIRENZE — La destra fiorentina si schiera contro il by pass del centro storico. A guidare il triumvirato è Mario Razzanelli, il consigliere che nel 2008 ha promosso un referendum per evitare il passaggio del tram davanti al Duomo di Firenze. "Un frammento che senza raggiungere la stazione passando da piazza Duomo non serve assolutamente a nulla, solo a sprecare denaro pubblico e deturpare un pezzo pregiato della Firenze del Poggi" è il commento del capogruppo di Forza Italia Jacopo Cellai insieme al consigliere Mario Razzanelli e al collega di Fratelli d'Italia Alessandro Draghi.

La definizione è "progetto nonsense" e poi partono le critiche "due anni di cantieri ammesso che tutto vada bene, a partire da gennaio 2020" per collegare la Fortezza da Basso a piazza San Marco, passando da viale Lavagnini, piazza della Libertà, via Lamarmora e via Cavour. "Si tratta unicamente di un contentino alle ditte per il mancato passaggio dal Duomo - secondo gli esponenti del centrodestra -. Una vergogna pensare di elaborare progetti così".

Ma c'è un aspetto positivo "a quanto pare in via Cavour il tram correrà a raso e la sede stradale sarà promiscua, per tram e auto e due ruote: ciò che invano abbiamo chiesto da sempre noi anche per le due linee già in funzione e che invece somigliano molto di più a un treno che a un tram, tagliando fuori il traffico privato e creando code e disagi a chi usa l'auto. Perché non si è pensato di realizzarla tutta così, la tramvia fiorentina, invece che per poche centinaia di metri?". "Se questo progetto scellerato andrà avanti com'è stato pensato, l'unico effetto concreto sarà la perdita di altri posti auto, la posa di nuovi pali e un altro pezzo di città che avrà perso la sua storica identità" hanno concluso Cellai, Razzanelli e Draghi.. 



Tag

Il canto dell'Araponga, l'uccello più assordante al mondo

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità