Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:17 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 31 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Cospito, Donzelli (FdI): «La sinistra sta con lo Stato o con terroristi?». E in Aula scoppia il caos

Attualità giovedì 23 agosto 2018 ore 13:40

Striscioni per Duccio davanti al tribunale

Duccio Dini

Sui teli affissi alla cancellata di un giardino la scritta che chiede giustizia per il 29enne morto dopo essere stato travolto durante un inseguimento



FIRENZE — Duccio merita giustizia. Questa la frase vergata con vernice nera su uno dei due striscioni affissi alla cancellata di un giardino nei pressi dell'ingresso principale del palazzo di Giustizia, a Firenze. Anche io avrei voluto passare ferragosto in famiglia, firmato Duccio Dini, si legge nel secondo striscione. Il 29enne morì in ospedale dopo essere stato travolto il 10 giugno scorso durante un inseguimento tra auto.

Nell'ambito delle indagini sull'episodio, i carabinieri hanno arrestato sei persone di etnia rom. Tra queste, un ragazzo è stato recentemente scarcerato dal gip che accogliendo un'istanza della difesa lo ha posto ai domiciliari. Il giovane era finito in carcere per il tentato omicidio di un uomo, obiettivo della spedizione punitiva che scatenò l'inseguimento. 

I due striscioni sono stati affissi la notte scorsa.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sarebbe la rimessa della refurtiva collegata a una serie di furti messi a segno, nell’ultimo mese, soprattutto nella zona tra Porta al Prato e Cascine
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità