comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 14°21° 
Domani 15°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 01 ottobre 2020
corriere tv
Sorpreso fuori casa con il cellulare dall'inviato di Giletti, torna in cella «boss dei Nebrodi»

Attualità sabato 20 giugno 2020 ore 13:10

Stregati dalle sedie in una città che ama la sosta

Nel centro ed in periferia è scontro tra residenti e commercianti ma i tavolini rischiano di piacere e si pone il dilemma su cosa accadrà a Settembre



FIRENZE — Hanno cambiato l'immagine di alcune strade e rischiano di piacere le sedie ed i tavolini che però sottraggono posti auto e c'è chi ribolle di rabbia, soprattutto in centro storico.

Sono tante le domande arrivate a Palazzo Vecchio per occupare gratuitamente il suolo pubblico con sedie e tavolini, commercianti ed artigiani partiti con molti dubbi si sono ricreduti osservando i vicini allestire siepi ed ombrelloni e adesso il problema è un altro: valutare l'investimento che potrebbe risolversi in pochi mesi. Che fare a Settembre? Quando scadrà la concessione gratuita prevista come agevolazione per l'epidemia di Covid 19.

Nonostante il favore crescente, sedie e tavolini in strada continuano però  a dividere la città dove i residenti sono molto legati ai loro posti auto e moto. 

In centro storico è ancora scontro aperto perché la presenza dei tavolini è associata al fenomeno turistico ed i residenti che adesso soffrono soprattutto per la perdita di posti auto, temono che l'allestimento possa diventare stabile ed attrarre futuri avventori. Il passaggio non manca e lo stanziamento fa paura.

Fuori dalle mura dove il passaggio non c'è più, a far storcere il naso è soprattutto la perdita di posti auto e moto, le alternative per la sosta però sono maggiori ed i tavolini sono un presidio urbano che non dispiace, anzi. Qualche commerciante è però combattuto perché non vorrebbe mettersi contro il vicinato, ed i propri clienti, sottraendo spazio ad automobilisti e scooteristi.

Nelle piccole località, così come nei paesi e nei borghi, vedere tavolini e sedie è normale e persino caratteristico perché recupera una tradizione popolare di vicinato che non è andata perduta. A fare la differenza è la densità abitativa che lascia spazio a tutti. Una rivoluzione della mobilità con l'abbandono del mezzo privato a favore di biciclette, monopattini o mezzi pubblici potrebbe fare la differenza. Firenze è pronta?



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità