comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:40 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 29 novembre 2020
corriere tv
Guerra civile a Parigi, manifestanti danno fuoco alla Banque de France

Attualità sabato 04 aprile 2020 ore 09:23

Spesa Covid con l'incubo della speculazione

In foto busta della spesa

Confesercenti su QuinewsFirenze analizza le segnalazioni del vicinato sul fattore prezzi e rivolge alcuni consigli ad esercenti e consumatori



FIRENZE — Consumatori e piccola distribuzione caratterizzata dai negozi di vicinato sono messi a dura prova in queste ore, a raccontarlo sono i consumatori stessi che sui social hanno iniziato a pubblicare le immagini degli scontrini lamentandosi del caro prezzi. Ma anche gli esercenti appaiono in difficoltà perché i consumatori riportano di commercianti che allargano le braccia sconsolati per la mancanza di prodotti che non vengono più ordinati ai fornitori a causa del ricarico che porterebbe i prezzi alle stelle.

QuinewsFirenze ha chiesto aiuto a Lapo Cantini, responsabile della locale Confesercenti.

Il fenomeno è stato ravvisato anche dall'associazione di categoria? 

"Esistono purtroppo alcune speculazioni alla fonte su una serie di prodotti anche di pubblica utilità"

Gli esercenti hanno segnalato difficoltà di rifornimento?

"Purtroppo è vero che al commerciante è che l'anello debole della catena non resta che rifiutare il prodotto, cambiare azienda produttrice oppure vendere ma con margini estremamente ridotti"

Esiste una soluzione per aiutare i consumatori e per evitare di ritrovare i negozi sprovvisti di beni essenziali?

"Invito i commercianti che per loro natura hanno la capacità di selezionare i prodotti ad avere anche l'accortezza di fare una scelta accurata mettendo a confronto più fornitori prima di rinunciare a reperire un prodotto"

Per quanto riguarda i controlli invece?

"In questo campo spettano alla guardia di finanza che è all'opera, certo in una fase così delicata le forze dell'ordine sono impegnate anche su altri fronti"

Le code ai supermercati e la difficoltà di approvvigionarsi a distanza presso la grande distribuzione hanno spinto gli amministratori a promuovere sempre più i negozi di vicinato che sono rimasti aperti e si sono organizzati per le consegne a domicilio. Ancor più questo è stato fatto con l'introduzione dei buoni spesa.

L'incognita è rappresentata oggi dal paniere della spesa e dal valore del portafogli e dei singoli buoni davanti a prodotti che, come conferma Confesercenti, possono avere prezzi molto differenti tra loro



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità