Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE15°27°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Attualità lunedì 21 giugno 2021 ore 18:25

Scoperta dopo secoli una reliquia di San Giovanni

Una preziosa reliquia di San Giovanni Battista è stata ritrovata nel Reliquiario di San Simeone Stilita, contente altri frammenti ossei di santi



FIRENZE — In un reliquiario del Museo dell'Opera del Duomo di Firenze è stato ritrovato dopo secoli un osso del collo appartenente a San Giovanni Battista. La reliquia sarà esposta ai fedeli nella Cattedrale di Firenze il 24 Giugno 2021 per la Festa del Santo Patrono.

Il ritrovamento è avvenuto nel Reliquiario di San Simeone Stilita, contente altri 11 frammenti ossei di santi, e conservato nel Museo dell'Opera del Duomo a Firenze.

La scoperta si deve ad Alessandro Bicchi, diacono della Cattedrale e vicedirettore dell'Ufficio Diocesano per l'Arte Sacra e per i Beni Culturali Ecclesiastici, che da anni studia le reliquie della Cattedrale di Firenze, in particolare quelle provenienti dall'Oriente, i cui risultati saranno presentati in un libro scritto con un altro autore e di prossima pubblicazione.

Nel 2019, l'Opera di Santa Maria del Fiore ha affidato all’Opificio delle Pietre Dure il restauro delle oreficerie tra cui il Reliquiario di San Simeone Stilita. A conclusione del restauro, l’arcivescovo cardinale Giuseppe Betori ha chiesto all'Opera di poter prelevare la reliquia del Battista per poterla studiare e avere finalmente la certezza che si trattasse di quella del Santo Patrono di Firenze, ricordata negli antichi documenti, come ipotizzato dal diacono Bicchi. La presenza delle iniziali del Santo, scritte in caratteri greci direttamente sull’osso con inchiostro nero, e una minuta iscrizione in greco antico incisa sul castone di argento dorato, posto al vertice della vertebra, con su scritto, tradotto in italiano: “Reliquia San Giovanni Precursore”, hanno confermato che si tratta proprio della reliquia del Battista giunta da Costantinopoli.

“Questo ritrovamento toglie dall’oblio e restituisce alla conoscenza e al culto dei fedeli della Chiesa Cattolica una insigne reliquia del Battista - ha detto Giuseppe Betori - segnatamente alla venerazione dei fedeli appartenenti alle Chiese sorelle d'Oriente, che con entusiasmo visitano il Duomo e le altre chiese fiorentine per rendere omaggio alle numerose memorie della Chiesa indivisa e per ammirare le innumerevoli opere d'arte che la cultura cristiana nei secoli ha prodotto”.

“Porsi alla ricerca di una reliquia puó sembrare anacronistico o apparire soltanto una curiosità finalizzata all'acquisizione, attraverso antichi documenti, di dati storici o al recupero di un reperto antropologico, spiega diacono Alessandro Bicchi. Ma onorare il corpo dei santi o parte di essi ricorda a noi come, pur nella fragilità umana,questi hanno testimoniato in modo eccezionale la forza e la tenerezza dell'appartenenza a Cristo. La reliquia offre al fedele la possibilità di entrare in contatto col santo venerato e invocato, rendendo percepibile la misteriosa potenza del sacro”. 

La storia della reliquia. 

Apparteneva all’Imperatore bizantino Giovanni VI Cantacuzeno (1292 - 1383). Costretto ad abdicare e a farsi monaco nel 1357, la reliquia del Battista insieme a quelle di altri santi passarono nelle disponibilità del nobile fiorentino Antonio di Pietro Torrigiani, per anni collaboratore dell'Imperatore. Parte di queste reliquie furono poi vendute dal Torrigiani all'Ospedale di Santa Maria della Scala a Siena. Dopo la morte del nobile fiorentino, la vedova veneziana Nicoletta Grioni donò nel 1394 le reliquie rimaste in suo possesso, tra cui questa del Battista, all'Arte di Calimala per il Battistero di Firenze, dove rimasero fino al 1700. L'insigne reliquia del Battista era sicuramente custodita in un suo reliquiario andato perduto nel XVI secolo, forse fuso o danneggiato dall’alluvione del 1557, e poi inserita nel Reliquiario di San Simeone Stilita del XIV –XV secolo insieme agli altri sacri frammenti.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono stati i residenti ad allertare la polizia dopo avere trovato all'interno di un garage alcuni scooter abbandonati, manomessi e svaligiati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità