Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:31 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 28 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
La moglie di Soumahoro non risponde alle domande: il video di 'Non è l'Arena'

Attualità mercoledì 19 agosto 2020 ore 11:25

Rogo in fabbrica, sostanze oleose lungo il Greve

Nell'ultimo monitoraggio di Arpat risultano ancora oli dispersi nel torrente dopo l'incendio che ha devastato l'azienda di via San Bartolo a Cintoia



FIRENZE — Sono ancora in corso i controlli sulle possibili ricadute dell'incendio che l'11 Agosto ha interessato una fabbrica che produce oli e acidi grassi per il settore industriale, zootecnico e farmaceutico situata a San Bartolo a Cintoia (vedi articoli collegati). 

Dall'ultimo monitoraggio di Arpat effettuato dopo la moria di pesci avvenuta nel torrente Greve, risultano ancora tracce di di materiale oleoso lungo la sponda con risalita anche a monte del punto di confluenza del Fosso degli Ortolani.

I livelli di ossigeno e pH, che nella zona della moria dei pesci erano estremamente critici, sono ancora alti: secondo i rilievi di Arpat "il pH è risalito a 7,90, valore tipico dei corsi d'acqua superficiale" quindi si sta normalizzando ma "l'ossigeno disciolto era di 14,37 mg/l, in condizione di sovrasaturazione".

Arpat sottolinea che "nella zona era ancora percettibile un forte odore riconducibile ai materiali combusti e dilavati".

Si assiste quindi ad una progressiva normalizzazione dell'acqua del torrente, in cui comunque si riscontra una rilevante crescita algale. Il risultato del test fornirà elementi per valutare l'eventuale presenza di sostanze che singolarmente o in combinazione possono essere tossiche per le specie acquatiche.

"Si ricorda - scrive Arpat - a riguardo la necessità di provvedere quanto prima al completamento delle operazioni di pulizia del fosso e dei terreni, nonché allo smaltimento delle acque di spegnimento rimaste nelle vasche di accumulo della Ditta". 

"Tali operazioni, unitamente alla rimozione dei rifiuti derivanti dall'incendio, una volta terminati gli accertamenti sulle cause, porteranno alla risoluzione anche delle problematiche odorigene", conclude Arpat.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'investimento per l'opera idraulica è di 1,5 milioni di euro. A che punto siamo? Si perimetra e consolida l'area che accoglierà le acque in eccesso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca