comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 05 dicembre 2020
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo, neve in Liguria: in azione le squadre di soccorso della Protezione civile

Attualità giovedì 27 agosto 2020 ore 11:01

Rogo in fabbrica, cosa dicono le analisi della Asl

L'Azienda Sanitaria ha reso noto l'esito degli esami condotti sulla vegetazione che circonda il sito aziendale andato a fuoco alle porte di Firenze



FIRENZE — L’Area Sanità Pubblica veterinaria e sicurezza alimentare dell’Ausl Toscana centro ha reso noti gli esiti degli esami di laboratorio condotti a seguito dell'incendio che a metà Agosto ha interessato un'azienda nella prima periferia di Firenze (vedere articoli collegati). Le prime indagini, svolte seguendo un piano di campionamento redatto sulla base di uno studio dell'area di ricaduta, hanno riguardato la presenza di acrilammide e policlorobifenili.

L'acrilammide è una sostanza tossica che si forma quando cibi contenenti zuccheri e aminoacidi sono sottoposti, anche durante il processo di cottura a temperature elevate di oltre 200°C. Il contaminate è stato preso in considerazione in quanto buona parte dei materiali bruciati erano farine di leguminose e cereali.

Gli esiti sono stati definiti "assolutamente rassicuranti", in nessun campione sono state rilevate, sia in superficie che nel totale delle pianta, quantità significative di acrilammide nè tali da giustificare il sospetto di un accumulo a seguito dell'incendio.

Per i dati relativi alla presenza di PCB, composti aromatici noti per la loro tossicità e capacità di bioaccumulo, normalmente considerati tra i più pericolosi inquinanti in caso di incendi, tutti i campioni hanno offerto "esiti tranquillizzanti e ampiamente al di sotto dei limiti precauzionali" definiti dalla normativa vigente.

Le verifiche analitiche sono state eseguite per confermare l’assenza di ricadute significative di sostanze pericolose nelle verdure coltivate in numerosi impianti situati vicino all’incendio. L'analisi delle condizioni metereologiche dell'evento e delle matrici interessate dal rogo ha indotto l'Azienda Sanitaria a ritenere che non fossero giustificati particolari e specifici provvedimenti restrittivi sulla vendita ed il consumo degli ortaggi.

L'incendio sviluppatosi nella notte dell’11 Agosto ha coinvolto la ditta Silo Spa che produce oli ed acidi grassi per il settore industriale, zootecnico e farmaceutico a San Bartolo a Cintoia.



Tag

Programmazione Cinema Farmacie di turno


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità