comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 19°21° 
Domani 17°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 05 giugno 2020
corriere tv
Coronavirus, Bersani: «Con centrodestra al governo i cimiteri non sarebbero bastati»

Cultura mercoledì 21 novembre 2018 ore 15:02

Restaurato il dittico in micromosaico bizantino

Un particolare dell'opera
Un particolare dell'opera

L'opera si trova nel Museo dell'Opera del Duomo ed è visitabile dal pubblico. E' stato organizzato un convegno dedicato all'opera e al restauro



FIRENZE — Una delle opere più preziose e affascinanti del Museo dell’Opera del Duomo a Firenze, il dittico in micromosaico bizantino del XIV secolo (56 x 37 centimetri con cornice), è stata restaurata dall’Opificio delle Pietre Dure su commissione dell’Opera di Santa Maria del Fiore ed è di nuovo visibile nel museo.

Al dittico e al suo restauro è dedicato un convegno organizzato dall’Opera di Santa Maria del Fiore che si terrà il 23 novembre 2018 a Firenze (9-13) presso la sededell'Antica Canonica di San Giovanni (Piazza San Giovanni 7). L’ingresso è gratuito su prenotazione.

Il dittico fu donato nel 1394 al Battistero, con alcune reliquie di santi, dalla nobile veneziana, Nicoletta di Antonio Grioni, vedova di un funzionario della corte bizantina dell’imperatore Giovanni VI Cantacuzeno.

Sul dittico sono rappresentate Le dodici grandi festività cristiane attraverso dodici scene di eventi nella vita di Cristo e Maria, corrispondenti a grandi feste liturgiche, che riproducono lo stile e alcune soluzioni formali dei mosaici e degli affreschi della chiesa del monastero costantinopolitano di San Salvatore in Chora, del primo quarto del Trecento, e costituiscono un caso esemplare della diffusione di stilemi orientali attraverso opere trasportabili.

Le due tavolette, che compongono il dittico (cm 56 x 37 con cornice), sono realizzate con tessere minutissime, incastrate in uno strato di cera, incorniciate di lamine d’argento lavorate a sbalzo, in parte dorate e smaltate. Ognuna delle tavolette è montata in una seconda incorniciatura di legno intagliato e dorato, del tardo XV secolo, sul cui retro è dipinta l’aquila sul torsello, simbolo dell’Arte di Calimala.

Si tratta di un’opera la cui forma e la cui storia ci raccontano di una Firenze antica aperta alle suggestioni del passato classico e di quello orientale, nel segno di una tecnica, il mosaico, che per secoli fu la lingua comune a molte civiltà del Mediterraneo e che nel cuore religioso di Firenze trovò una delle sue massime espressioni.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Lavoro