QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 12° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 19 febbraio 2020

Attualità mercoledì 22 gennaio 2020 ore 14:11

Restaurato il tabernacolo creduto perso

Salgono a sette i tabernacoli che il Comitato Tabernacoli degli Amici dei Musei e dei Monumenti Fiorentini ha restaurato restituendoli alla città



FIRENZE — E’ terminato il restauro al tabernacolo posto sul palazzo tra Piazza San Felice e Piazza Pitti a Firenze. L’intervento durato due mesi e mezzo è stato promosso dagli Amici dei Musei e dei Monumenti Fiorentini, attraverso il Comitato Tabernacoli, ed è stato eseguito sotto la Direzione Lavori della Dott.ssa Maria Maugeri funzionario di zona per la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Firenze e le Province di Pistoia e Prato.

Il restauro, sostenuto dalla Fondazione Friends of Florence, è stato realizzato da Bartolomeo Ciccone per l’affresco e Stefano Landi per la parte lapidea. “Il comitato per il decoro ed il restauro dei tabernacoli, nel ricordare il suo quasi trentennale impegno per il recupero e la salvaguardia di un patrimonio che connota in modo del tutto eccezionale il persistere nel territorio fiorentino d'una spiritualità tradotta in immagini figurative d'alto valore artistico, torna ad esprimere la propria più viva riconoscenza alla Fondazione Friends of Florence” ha detto Oretta Sabbatini Presidente del Comitato per il decoro e il restauro dei Tabernacoli. “Friends of Florence è molto affezionata ai tabernacoli di Firenze poiché raccontano di una devozione popolare che fa parte della vita e della storia cittadina. Sono testimonianze che non ci possiamo permettere di perdere - ha detto Simonetta Brandolini d’Adda Presidente di Friends of Florence che così continua - per questo siamo stati felici della collaborazione con il Comitato Tabernacoli degli Amici dei Musei e dei Monumenti Fiorentini e di aver incontrato per questo lavoro tutta la disponibilità della Soprintendenza. Con questo sono sette i tabernacoli che nel corso degli anni abbiamo restaurato restituendoli alla pubblica fruizione. Ringrazio la Presidente del Comitato, la Dott.ssa Oretta Sabbatini, la Dott.ssa Maria Maugeri della Soprintendenza, i restauratori Bartolomeo Ciccone e Stefano Landi e tutto il loro staff per aver eseguito l’intervento.”

“All’inizio del restauro del Tabernacolo di san Felice ci siamo trovati davanti un’immagine illeggibile a causa del grave stato di conservazione della pittura, aggravato dall'invasivo intervento operato negli anni ’50 da Renato Bagnoli, sottolinea la Dott.ssa Maria Maugeri funzionario di zona per la Soprintendenza che così continua. - Personalmente non credevo che si potesse recuperare l’affresco, ma ho voluto seguire i suggerimenti di Bartolomeo Ciccone e lentamente, attraverso la rimozione di aggiunte incongrue, ecco apparire un’immagine più nitida e per questo più comprensibile. Un’Annunciazione che accoglieva i tanti pellegrini che attraversavano san Pier in Gattolini diretti, attraverso la via Francigena, a Roma. Tengo a ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile il restauro del Tabernacolo di San Felice. Friends of Florence e la Contessa Simonetta Brandolini d’Adda per l’impegno profuso a favore della tutela del patrimonio culturale fiorentino; gli Amici dei Musei e dei Monumenti Fiorentini che, attraverso il Comitato Tabernacoli, in tanti anni hanno avuto un ruolo centrale nel recupero di questi sacri arredi urbani; i restauratori Stefano Landi e Bartolomeo Ciccone, con i quale spesso condivido le problematiche inerenti la conservazione, e Don Gianfranco Rolfi ancora una volta in prima linea a sostegno della valorizzazione del territorio pertinente la Parrocchia di San Felice in Piazza.”



Tag

Napoli, Santori: «Chi mi contesta non è una sardina»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità