Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:42 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 30 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ischia, la frana si abbatte su Casamicciola: telecamera di sicurezza riprende il momento in cui il fango trascina via l'auto

Attualità mercoledì 23 febbraio 2022 ore 20:10

Pnrr per tram e stadio vale 13mila posti di lavoro

Centinaia di milioni di euro per sistema tranviario ed Artemio Franchi dal Piano di ripresa e resilienza, lo ha confermato il premier Mario Draghi



FIRENZE — I fondi del Piano nazionale per la ripresa e la resilienza potrebbero significare per il capoluogo toscano quasi 13mila posti di lavoro nei prossimi 5 anni attraverso il rilancio di opere ferme da tempo come il tunnel per il sottoattraversamento ferroviario con la stazione ai Macelli o di nuova progettazione come il nuovo stadio Artemio Franchi.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ne ha parlato durante la visita al Teatro del Maggio in occasione della visita a Firenze per il vertice tra sindaci e vescovi del Mediterraneo.

Firenze può rafforzare la sua proiezione internazionale e migliorare i servizi per la popolazione secondo il premier che ha spiegato "Impieghiamo circa 400 milioni di euro per completare il sistema tranviario di Firenze che prevede un collegamento diretto con la stazione ferroviaria. Il potenziamento del trasporto cittadino serve anche a preservare il centro storico, a favorire una migliore convivenza tra residenti e turisti. In questa direzione vanno anche le misure di rigenerazione urbana. Vogliamo valorizzare i parchi storici, tutelare l'ambiente e il paesaggio, un aspetto fondamentale della bellezza della città. Nello storico quartiere di Campo di Marte, riqualifichiamo lo stadio Artemio Franchi".

“Caro presidente, Firenze e tutta la città metropolitana vuole giocare un ruolo decisivo per il successo del Piano nazionale di ripresa e resilienza” ha sottolineato il sindaco Nardella.

Il Pnrr attiverà circa un miliardo e mezzo di euro di fondi diretti e indiretti statali nel nostro territorio senza considerare quelli già in corso di esecuzione ed è un grandissimo volano di sviluppo sostenibile del territorio: da qui ai prossimi 5 anni, attiveremo 12.800 posti di lavoro diretti. Dal punto di vista generale, la sfida più grande che riscontriamo nel percorso di attuazione del Piano nazionale è quella delle procedure e delle norme per la progettazione, l’appalto, il controllo, la realizzazione e la rendicontazione delle opere pubbliche. Sui cantieri autostradali situati intorno alla città, relativi alla A11 e A1, abbiamo fermi progetti esecutivi già varati per un totale di 1 miliardo di investimenti in attesa dello sblocco a livello nazionale della questione di Autostrade; alla stazione dell’AV con il sottoattraversamento di Firenze e all’aeroporto, per il quale è prevista una riqualificazione più che un potenziamento, per consentire la massima funzionalità in condizioni di sicurezza. Su questi progetti confidiamo nel suo personale interessamento e nel supporto del Governo”.

Nardella ha ricordato che a Palazzo Vecchio "Lunedì 7 Marzo presenteremo il progetto vincitore del concorso internazionale di progettazione per il restauro e la riqualificazione dello Stadio Franchi, considerato un monumento di interesse nazionale, che a sua volta innescherà un progetto di rigenerazione dell’intero quartiere con più di 80.000 abitanti, di 450 milioni di euro con la nuova tramvia e nuovi spazi pubblici e verdi, servizi e impianti sportivi. A tal proposito ci candideremo per parte di questa riqualificazione a ottenere un finanziamento nell’ambito dei Piani Integrati delle Città Metropolitane già varati dal Ministero dell’Interno per coprire tutto il fabbisogno per la realizzazione del nuovo stadio”.

Il cuore degli investimenti del Pnrr è rappresentato a Firenze dalle tramvie - ha sottolineato Nardella - un sistema di 7 linee, 3 delle quali già realizzate (2 nel mio mandato) per un totale di 1,8 miliardi di euro, di cui quasi 800 milioni completati, rispettando il quadro economico iniziale, cosa per niente scontata negli appalti pubblici in Italia. Grazie al Pnrr possiamo realizzare la linea di Bagno a Ripoli, la linea per Campi Bisenzio e, speriamo la linea per Sesto Fiorentino di cui abbiamo parlato ieri con il Ministro Giovannini a Roma. Intanto l’8 Marzo inizieranno i lavori della variante della linea che arriva al centro storico da nord. Mentre entro l’anno inizieremo i lavori della linea di Bagno a Ripoli. A seguire la linea 4 per Campi ed entro il 2026 dovremo completare anche la linea per lo Stadio e Rovezzano. A regime, Firenze a livello metropolitano sposterà 80 milioni di passeggeri l’anno con un abbattimento di oltre 30.000 ton di Co2. A completamento di tutto il sistema di trasporto pubblico di area metropolitana, abbiamo pronti i progetti per 2 linee di Jumbo Bus, BRT, che raggiungono le aree dove non arrivano né ferrovia né Tramvia. Mi riferisco alla linea Osmannoro - Poggibonsi e alla linea Greve in Chianti - Rovezzano”. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Hanno svaligiato il circolo dopo essersi introdotti nei locali durante la notte forzando la porta d'ingresso Ora indaga la polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alessandro Canestrelli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca