comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 16° 
Domani 17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 03 aprile 2020
corriere tv
Il procuratore nazionale antimafia De Raho: «I clan hanno necessità di collocare i soldi liquidi: ecco come si approfitteranno della crisi»

Attualità mercoledì 02 maggio 2018 ore 17:14

"Più punti Erp a chi vive da più tempo in Toscana"

Lo ha detto il sindaco Nardella sulla nuova legge all'esame del Consiglio regionale: "Riequilibrare la concentrazione eccessiva di famiglie straniere"



FIRENZE — L'amministrazione comunale fiorentina chiede di inserire nuovi requisiti nella nuova legge regionale sull'edilizia residenziale pubblica messa a punto dalla giunta guidata da Enrico Rossi e attualmente all'attenzione del Consiglio.

In particolare il sindaco Dario Nardella ha avanzato la proposta di riconoscere un punteggio maggiore per l'assegnazione degli alloggi alle famiglie che risiedono in Toscana da un maggiore periodo di tempo. L'obiettivo dichiarato è quello di "riequilibrare una concentrazione eccessiva di famiglie straniere".

"Il nostro obiettivo è aiutare chi è in graduatoria da troppo tempo e sempre in fondo alla lista - ha spiegato il primo cittadino - e quelle famiglie che hanno sempre rispettato le regole e che vivono da molti anni nella nostra città".

Sempre Nardella ha proposto di inserire fra i criteri di assegnazione anche il pagamento regolare di un affitto sul libero mercato che incide foretemente sul reddito degli inquilini.

La legge regionale attualmente in vigore prevede che possano accedere alle graduatorie Erp coloro che abitano in Toscana da almeno cinque anni.

L'assessore regionale con delega alla casa Vincenzo Ceccarelli ha dichiarato che Nardella  vuol cogliere obiettivi condivisibili ma che bisogna fare attenzione a non creare situazioni di discriminazione. "Esistono già sentenze della Corte Costituzionale, una relativa ad esempio alla Regione Friuli Venezia Giulia - ha spiegato Ceccarelli - in cui laddove la Regione ha messo norme troppo restrittive per l'accesso a servizi ritenuti essenziale non hanno ammesso soluzioni che possano risultare discriminatorie".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità