Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE20°34°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Calenda diceva: «Non farò politica con Renzi, l'ho detto 6 mila volte. Mi fa orrore»

Cultura giovedì 31 marzo 2022 ore 14:35

Novoli futura, mostra tra riflesso e riflessione

Uno degli scatti in mostra
Uno degli scatti in mostra

La trasformazione urbanistica del quadrante nord della città è protagonista di una mostra fotografica che dà spazio al punto di vista dei cittadini



FIRENZE — Uno scorcio del parco di San Donato catturato dalle lenti di un un paio di occhiali da sole, la targa a Enrico Rigacci che si riverbera sullo specchietto retrovisore di un’auto in sosta, piazza Ugo di Toscana vista attraverso un calice di vino rosso: non sono che alcuni degli scatti protagonisti della mostra fotografica “Riflessi di beni culturali e pianificazione urbana” inaugurata stamani alla Biblioteca delle Oblate.

L'esposizione è stata realizzata su iniziativa del dipartimento di storia, archeologia, geografia, arte e spettacolo dell’Università di Firenze in collaborazione con il Comune di Firenze e prosegue poi nel vicino Archivio Storico Comunale di via dell'Oriuolo rimanendo aperta al pubblico fino al prossimo 21 Aprile.

Si tratta di uno dei risultati del progetto triennale europeo Deep Cities che esamina le trasformazioni di 5 quartieri di altrettante grandi città: Novoli San Donato a Firenze, Tukthusgården a Oslo (Norvegia), Woolwich a Londra (Regno Unito), Canongate a Edimburgo (Regno Unito), Sant Andreu de Palomar a Barcellona (Spagna). L'obiettivo è restituire un patrimonio di conoscenze e di valori sociali ai decisori pubblici e privati chiamati ad esaminare cosa debba essere conservato per il futuro della città e dei suoi abitanti.

L’esposizione si compone di 10 foto che raccontano la trasformazione urbana del quartiere e la percezione della sua comunità. “L’area di Novoli ha conosciuto un rapido cambiamento, ma ha una storia millenaria", ricorda il curatore della mostra Michele Nucciotti che è docente di archeologia cristiana e medievale dell’università di Firenze e responsabile scientifico italiano del progetto Deep Cities. All’inaugurazione, oltre a Nucciotti era presente Cecilia Del Re, assessora all’Urbanistica del Comune di Firenze.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incendio è divampato a metà mattina innescando l'intervento in forze da parte dei vigili del fuoco con più squadre ed automezzi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca