Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE15°27°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Attualità domenica 30 maggio 2021 ore 08:49

"Noi beffati, Santo Spirito è una latrina"

Dure le critiche al piano anti-movida che i residenti hanno bocciato chiedendo interventi funzionali e strutturali su piazza Santo Spirito



FIRENZE — Il Comitato dei residenti di Santo Spirito si è riunito all'abside della Basilica in Via de' Coverelli per chiedere al sindaco e al prefetto di Firenze di intervenire con urgenza. Il piano anti-movida è stato dunque bocciato dai residenti che si sono detti beffati dai chiodi installati come deterrente "L'unico effetto è stato eliminare i posti auto" visto che "L'abside di Santo Spirito è una latrina".

Sono circa trenta le famiglie residenti che sono scese in piazza per chiedere nuovamente una cancellata lungo tutti i 90 metri di perimetro della scalinata, aperta di giorno e chiusa la sera. 

I residenti hanno attaccato i nove 'chiodi fiorentini' che "impediscono il parcheggio di cinque auto ai residenti, ma continuano a permettere agli avventori dei locali di fare pipì sulle facciate della Basilica, sotto alle finestre degli abitanti". Per questo motivo i residenti hanno chiesto una pulizia e sanificazione delle facciate laterali intrise di urina lungo Via del Presto di San Martino e soprattutto Via de' Coverelli.

Tra le richieste ci sono inoltre "due telecamere a largo spettro, e fari potenti da installare all'angolo di Via del Presto di San Martino con Via de' Coverelli e angolo di Via de' Coverelli di fronte alla Colonna Brunelleschi Palazzo Machiavelli".

Inoltre "Immediata apertura dei dieci bagni pubblici in piazza Santo Spirito, possibilmente ad uso gratuito".

I residenti, infine, hanno invitato il prefetto ed il sindaco a monitorare la presenza dei locali di somministrazione di cibo e bevande ed a prendere provvedimenti normativi per mitigare le nuove aperture. 

La vice sindaca Alessia Bettini e l'assessora alla sicurezza urbana Benedetta Albanese hanno replicato "Le preoccupazioni dei residenti sono anche le nostre tanto è vero che abbiamo preso misure che hanno evidentemente già in buona parte risolto i problemi e continueremo. I provvedimenti istituiti tra cui il divieto di stazionamento e di consumo di bevande e alimenti sul sagrato e sulle scalinate e la presenza delle forze di polizia finora stanno funzionando".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono stati i residenti ad allertare la polizia dopo avere trovato all'interno di un garage alcuni scooter abbandonati, manomessi e svaligiati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità