comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 20°28° 
Domani 21°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 13 luglio 2020
corriere tv
Migranti, il soccorritore salva contemporaneamente due ragazzi in mare al largo di Lampedusa

Attualità lunedì 27 febbraio 2017 ore 17:33

Maggio, tutte le incognite del dopo Bianchi

Debito, patrimonializzazione, aumento dei ricavi i nodi da sciogliere dopo l'addio del sovrintendente. Nardella: "Nessuna pressione sulle dimissioni"



FIRENZE — Al Maggio Musicale si apre l'era del 'dopo Bianchi' che fa seguito alle "dimissioni irrevocabili" 'presentate la settimana scorsa dal sovrintendente. Sull'addio di Bianchi è intervenuto, in Consiglio Comunale, il sindaco di Firenze Dario Nardella secondo il quale ora "serve una una guida esperta, che sia in grado di interpretare il nuovo ciclo" che attende il teatro. 

I fronti su cui sarà necessario che si muova chi guiderà l'ente lirico sono quattro: "C'è il tema dello stock del debito, la ripatrimonializzazione del teatro, l'obiettivo dell'aumento dei ricavi senza ricorrere a riduzioni di personale, la complessiva riorganizzazione artistica della fondazione". Nodi non da poco visto che il debito consolidato si attesta a circa 62 milioni di euro. Per Nardella, però, questa situazione "non è diversa da quella altre fondazioni, escluse Venezia e Milano. Si tratta di un tema nazionale, importante, da discutere". 

Nel merito delle dimissioni di Bianchi, Nardella ha anche aggiunto, rispondendo a una domanda del consigliere di Sinistra italiana Tommaso Grassi, che "non ci sono state pressioni, fratture, per arrivare a questo tipo di conclusioni. Anzi - ha poi aggiunto - c'è stata anche la mia richiesta a Bianchi di rimanere per altri 60 giorni alla guida del teatro, in modo da firmare il bilancio consuntivo". 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità