Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE17°31°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 03 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vanessa Ferrari: «Puntavo all'oro, ma è arrivato un bellissimo argento. Più di così non potevo fare»

Attualità lunedì 14 marzo 2016 ore 16:00

Allattamento materno, Careggi in prima linea

Ospedale amico dei bambini. Per l'azienda ospedaliero-universitaria fiorentina arriva un importante riconoscimento. Ad assegnarlo è l'Unicef



FIRENZE — L'Aou di Careggi è la prima azienda ospedaliero-universitaria in Italia ad elevato numero di nascite (3.800 nati l'anno) a ottenere il riconoscimento Unicef di "Ospedale amico dei bambini e delle bambine" grazie all'alto livello di promozione raggiunto in materia di allattamento materno.

Alla cerimonia, che si è svolta stamani nell'aula Margherita dell'Aou di Careggi, ha partecipato anche l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, assieme al direttore generale dell'Unicef Italia, Paolo Rozera, al direttore generale del Careggi, Monica Calamai, il rettore dell'università di Firenze, Luigi Dei, e il direttore del Dipartimento materno infantile di Careggi, Carlo Dani.

"Questo riconoscimento è un punto di arrivo molto importante - ha detto l'assessore Saccardi - Un traguardo raggiunto da Careggi nel quadro di una sinergia e sintonia che sulle politiche per l'allattamento sono cresciute negli anni tra la Regione Toscana, le aziende sanitarie toscane e l'Unicef. E anche la tappa significativa di un cammino che è ferma intenzione della Regione Toscana proseguire e rafforzare".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Radio Taxi 4242 e Sms Tassisti Fiorentini hanno consegnato ai lavoratori in presidio contro i loro 422 licenziamenti 4.000 bottiglie
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro