Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE15°27°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Attualità venerdì 25 giugno 2021 ore 10:19

La guerra dei taser torna a spaccare i fiorentini

Quali strumenti fornire alle forze dell'ordine? L'estate post Covid ha riaperto il dibattito sul controllo delle piazze della movida e non solo



FIRENZE — L'estate 2021 si è aperta con l'allarme per la movida molesta, il fenomeno si presenterebbe particolarmente accentuato a causa dei mesi di restrizione dovuti all'emergenza sanitaria per Coronavirus Covid-19, come sottolineato anche in Consiglio comunale dalla consigliera speciale Mimma Dardano.

Dopo gli assembramenti e gli atti vandalici registrati in Oltrarno, ad accendere nuovamente il dibattito è stato l'episodio di via del Porcellana dove un uomo ha brandito un cartello stradale, ha minacciato i passanti ed ha danneggiato un'autovettura.

Il dibattito si è così spostato dalle ordinanze, strumento di prevenzione, alle dotazioni delle forze dell'ordine per il controllo e la repressione delle violazioni delle regole ed è esploso il caso "taser" l'arma elettrica così denominata per convenzione.

Firenze torna all'estate 2019 e riapre il dibattito che aveva diviso la città trovando l'amministrazione contraria all'adozione della strumentazione.

Paolo Tofanari, segretario provinciale del Siap è intervenuto così sull'accaduto “Nella giornata di San Giovanni, Santo Patrono di Firenze, solamente il coraggio e la grande professionalità dimostrata da due agenti in servizio di volante hanno evitato che in via del Porcellana, in pieno centro, l’intervento effettuato nei confronti di un cittadino somalo degenerasse come molte volte accaduto in altre città d’Italia, riportandoci a quanto accaduto solamente qualche giorno fa a Roma. E’ sicuramente importante la solidarietà e la vicinanza che viene dimostrata nei confronti dei Poliziotti, ma oggi non è più sufficiente, gli operatori di Polizia impiegati in servizio di controllo del territorio devono essere dotati del Taser, che ricordiamo essere uno strumento che tutela non solo gli addetti alla sicurezza ma anche i soggetti che vengono ingaggiati dallo stesso.”

Riccardo Ficozzi segretario del Siulp ha aggiunto "Sempre più spesso, purtroppo, si verificano colluttazioni con cittadini esagitati che, sprezzanti dell’uniforme, non esitano ad inveire verbalmente e fisicamente contro gli operatori. Tali fatti, reiteratamente stigmatizzati dal Siulp fiorentino, non possono non richiamare l’attenzione sulla inderogabile necessità di strumenti utili a bloccare soggetti che danno in escandescenza e ciò al fine di tutelare l’indennità degli operatori, dei cittadini ma anche degli stessi autori di tali episodi. È necessario prendere atto che strumenti quali il tanto contestato taser, o comunque dissuasori spray con gittata superiore a quelli attualmente in dotazione, purtroppo sono ormai irrinunciabili poiché è impensabile che quotidianamente cittadini ed operatori della sicurezza rischino la propria incolumità consapevoli che, l’unico modo per fermare taluni soggetti, è l’addivenire a colluttazione".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono stati i residenti ad allertare la polizia dopo avere trovato all'interno di un garage alcuni scooter abbandonati, manomessi e svaligiati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità