Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:51 METEO:FIRENZE10°22°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 25 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci: la moglie dell'ambasciatore in prima fila con le figlie

Cronaca venerdì 11 novembre 2016 ore 12:51

La maxi frode fiscale dal sapore marinaro

I quattro arrestati dai finanzieri di Pontassieve si servivano di imprese dai nomi ispirati alla marineria che poi svanivano. Cento milioni evasi



FIRENZE — Una galassia di imprese con nomi marinari a cui l'azienda madre, fiorentina e specializzata nei servizi di pulizia e facchinaggio, subappaltava i lavori a prezzi che sbaragliavano la concorrenza. Le imprese erano gestite da prestanome e in alcuni casi da persone sotto falsa identità che prima accumulavano debiti fiscali e contributivi e poi trasferivano la propria sede nel napoletano facendo perdere le proprie tracce oppure fallendo e cessando l'attività. 

I finanzieri della tenenza di Pontassieve, che hanno condotto le indagini iniziate nel 2013, hanno individuato trentotto imprese che sistematicamente non versavano alcuna imposta all'erario e omettevano il versamento dei contributi previdenziali per i dipendenti. 

Il conto dell'ammanco al fisco, alla fine, è risultato salato: 107 milioni di euro

A finire in manette per frode fiscale e bancarotta fraudolenta sono state quattro persone di 62, 39, 60 e 52 anni. Tre di loro sono napoletani. Uno, l'ideatore della truffa smascherata dalle Fiamme Gialle, è fiorentino. Sua la paternità dei nomi ispirati alla marineria e dettati dalla sua passione per la vela. 

I provvedimenti sono stati disposti dal gip del tribunale di Firenze Erminia Bagnoli su richiesta del procuratore capo Giuseppe Creazzo. I finanzieri di Pontassieve sono stati coordinati nelle indagini dai sostituti procuratori Christine von Borries e Concetta Gintoli. 

Le perquisizioni sono state svolte a Firenze, Napoli, Parma, Verona, Viareggio e Pistoia. In tutto sono 15 gli indagati nei confronti dei quali l'autorità giudiziaria ha riconosciuto l'aggravante dell'associazione a delinquere. 

Alla fine dell'operazione sono stati sequestrati immobili, auto, quote societarie e denaro per un valore di 18 milioni di euro. Tra i beni sequestrati anche un noto ristorante del centro di Firenze, a pochi passi dal duomo. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS