Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:38 METEO:FIRENZE11°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 28 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Variante Omicron, Johnson: «Tampone molecolare e autoisolamento per chi entra in Gran Bretagna»

Attualità giovedì 05 marzo 2020 ore 13:03

La Fiorentina non parteciperà al bando Mercafir

Il patron viola ha scritto una lettera al termine della valutazione delle condizioni finanziarie e contrattuali della gara pubblica d'appalto



FIRENZE — Il proprietario della Fiorentina ha annunciato ufficialmente che il club gigliato non prenderà parte al bando per l'assegnazione dell'area del mercato alimentare di Firenze destinata ad ospitare un impianto sportivo. 

Rocco Commisso ha scritto una lettera per annunciare la decisione maturata al termine di una valutazione tecnica delle caratteristiche della gara di appalto "Dopo un'attenta valutazione la Fiorentina ritiene che nessuna delle tre condizioni richieste, tempi rapidi, costi ragionevoli e controllo totale del progetto di costruzione e gestione dello stadio dopo il suo completamento, sia stata soddisfatta".

"Per poter competere ai massimi livelli la Fiorentina necessita di un complesso con un nuovo stadio per venire incontro alla tifoseria e aumentare le fonti di ricavo" ha scritto ancora Commisso nella lunga lettera rivolta alla città. "Desidero fortemente che il nostro stadio sia situato all'interno della città di Firenze o almeno all'interno dell'area metropolitana fiorentina" ed ancora "Sebbene apprezziamo gli sforzi profusi dal sindaco Dario Nardella, per il raggiungimento dei nostri obiettivi a breve termine necessitiamo che le istituzioni si dimostrino più collaborative e flessibili, ci forniscano ulteriori opzioni e siano in grado di prendere decisioni molto più rapidamente di quanto non sia stato fatto fino ad oggi". 

Il patron gigliato lancia anche un appello per agevolare l'opzione del restyling dell'Artemio Franchi, oggi impraticabile per il vincolo sull'opera degli anni '30, e chiede "La revisione o la reinterpretazione della legge sui monumenti al fine di garantire maggiore flessibilità nel caso di uno stadio costruito 90 anni fa a maggior ragione qualora la ristrutturazione ne preservi le principali peculiarità e non rischi l'abbandono".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La protesta dei residenti viaggia con la posta elettronica, centinaia di lettere inviate agli assessori per chiudere il giardino di via Galliano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità