Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:FIRENZE8°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 08 dicembre 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Sarafine vince X Factor 2023: «Sono felicissima, un'occasione pazzesca»

Attualità lunedì 25 settembre 2023 ore 14:00

​In Villa con gli artigiani e con il Tenore Enrico Caruso

A Lastra a Signa c’è l’unico Museo esistente in Italia dedicato al Tenore Enrico Caruso nella splendida Villa Toscana



FIRENZE — Si è concluso ieri uno dei tanti eventi svolti durante la bella stagione che coinvolge i nostri artigiani d’eccellenza: “Artigiani in Villa”.

A Lastra a Signa, con un panorama collinare tipico della nostra Toscana, un viale d’entrata costeggiato da siepi basse ulivi e querce, un bellissimo giardino all’Italiana con i vasi in coccio e limoni, il tipico ghiaino e i muretti in pietra che costeggiano i contorni della villa e le statue barocche. Tutto in stile parco di Boboli.

Si tratta di Villa Caruso di Bellosguardo a Signa. L’intento è quello di cercare, scoprire nuovi talenti, nuovi risultati creativi e mani sapienti che ci presentano i loro splendidi lavori e perchè no comprare pure qualcosa. E’ bello poter scegliere tra pezzi unici, fragranze nuove, tessuti creati con il telaio in casa rigorosamente ecologici o borse handmade con manici ricercati e velluti di seta.

Ma la sorpresa è scoprire che non vai ad incontrare soltanto gli artigiani ma anche il Tenore Enrico Caruso. Non tutti sanno e forse a ragion veduta vista la poca pubblicità che ne viene fatta, che Villa Caruso di Bellosguardo, la sontuosa residenza cinquecentesca è la casa museo del famoso Tenore.

Apparteneva alla Famiglia Pucci ed il Tenore la acquisto nel 1906 per la cifra di 206.500 lire restaurandola e arricchendola con numerose opere d’arte e interventi strutturali. Caruso aveva ormai raggiunto la fama mondiale e l’ingaggio al Metropolitan Opera House di New York ed ambiva ad una dimora maestosa, una piccola reggia privata.

Dopo la sua morte nel 1921 la villa subì vari passaggi di proprietà per essere infine acquistata dal Comune di Lastra a Signa nel 1995 con l’intento di valorizzarne la bellezza architettonica e utilizzarne gli spazi per finalità culturali.

Il piano superiore della Villa rappresenta attualmente il Museo di Caruso, l’unico in Italia. Inizia con la sala del Prologo che presenta i padroni di casa Enrico ed Ada e prosegue con le esposizioni nelle altre stanze dei ritratti, vestiti di scena, collezioni di vinili, gramofoni, quadri, oggetti quotidiani e cimeli, ritagli di giornali e partiture. Una parete con tutti i personaggi ai quali e stato assegnato il Premio Caruso. Purtroppo gran parte del sontuoso mobilio e delle opere d’arte acquistate da Caruso andarono in gran parte disperse.

Chiara Lam nang
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno