Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:11 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 01 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima gara di Federica Pellegrini: primo posto con standing ovation e tuffo con il presidente Malagò

Attualità sabato 14 gennaio 2017 ore 22:31

Il Comune organizzerà il funerale di Alì

Palazzo Vecchio si farà carico del funerale di Alì Muse, il somalo morto nell'incendio del capannone-rifugio per immigrati a Sesto Fiorentino



FIRENZE — Una nota positiva in una giornata di tensioni e scontri. Il Comune di Firenze si organizzerà il funerale di Alì Muse, il profugo morto nell'incendio del capannone-rifugio all'Osmannoro. Di dare degna sepoltura ad Alì lo hanno chiesto con forza, i migranti oggi in protesta sotto la Prefettura.

"La morte di Alì Muse ci addolora e ci rattrista che la sua famiglia in questo momento di profondo dolore non possa essere al suo fianco per l'ultimo saluto. Nonostante le difficoltà, che noi come altri Enti incontriamo, - scrive l'assessore al Welfare Sara Funaro in un post su Facebook - abbiamo deciso di garantirgli una sepoltura degna e dignitosa. Mi sono sentita con il sindaco Dario Nardella e abbiamo deciso che il Comune di Firenze si farà carico del suo funerale, naturalmente sentendo le volontà della sua famiglia. Di fronte a un lutto quando una persona o una famiglia è in difficoltà sono le istituzioni che devono farsene carico e Firenze in questi momenti c'è e ci sarà sempre".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A poche ore dal dibattito in Consiglio comunale l'opposizione chiede un tavolo in prefettura per analizzare il fenomeno dei furti sulle auto in sosta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità