Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:FIRENZE18°29°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 26 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, scontri al corteo No green pass: i manifestanti sfondano il cordone della polizia

Attualità martedì 06 luglio 2021 ore 15:01

Il bypass è finito, nuova strada per la periferia

Completato il secondo lotto dal nuovo ponte sul fiume Greve fino alla viabilità principale. Nuovo asfalto fono assorbente ed illuminazione a led



FIRENZE — Mantignano e Ugnano sono più vicini alla città con la fine del secondo lotto del bypass che completa la nuova strada di oltre un chilometro e mezzo. Alla cerimonia hanno partecipato il sindaco Dario Nardella, l'assessore alla Mobilità Stefano Giorgetti e il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni. I primi a transitare sono stati i mezzi storici dei vigili del fuoco.

"Oggi completiamo un'opera molto attesa - ha dichiarato il sindaco Nardella -. Il primo lotto era già entrato in funzione nello scorso mandato, adesso è la volta del secondo lotto. I lavori, che hanno dovuto scontare i problemi legati al Covid e che hanno visto anche la realizzazione di opere legate all'aspetto idrogeologico, sono stati terminati in due anni. Questo bypass ha una doppia funzione: migliora il collegamento di Mantignano e Ugnano con il resto del Quartiere 4 e con la città; fluidifica la circolazione alleggerendo il carico di traffico e smog nei due centri abitati. Completiamo così il piano dei by pass che ci eravamo impegnati a terminare fin dal primo mandato e che comprendeva, oltre a questo, anche i by pass del Galluzzo e di Cascine del Riccio. Opere rilevanti per la città pensate soprattutto ad alleggerire il carico di traffico e smog sui centri abitati".

"Questa opera migliorerà la vivibilità dei centri abitati di Mantignano e Ugnano offrendo una alternativa efficiente al traffico di attraversamento – ha ribadito l'assessore Giorgetti -. Il secondo lotto ha visto anche importanti interventi idraulici e a breve arriveranno anche i nuovi alberi lungo la strada. Invito i cittadini ad utilizzarla sempre rispettando le regole: sappiamo che quando viene inaugurata una nuova viabilità che bypassa i centri abitati spesso si è portati ad aumentare la velocità con quello che ne può conseguire per la propria e l'altrui sicurezza. A questo proposito con la Polizia Municipale abbiamo già predisposto un programma di controlli anche su questa strada".

“Con l’apertura dell’ultimo tratto del bypass di Mantignano e Ugnano abbiamo ottenuto due vantaggi – ha spiegato il presidente Dormentoni – perché viene completato il collegamento, in sicurezza, dei due borghi e abbiamo, inoltre, sanato un’area dal punto di vista idraulico poiché l’amministrazione ha migliorato la capacità di regimare la connessione tra il Fosso degli Ortolani ed il fiume Greve”.

La nuova strada, della lunghezza di 1,545 chilometri, si sviluppa in parte su una nuova sede stradale realizzata su aree prevalentemente agricole e parzialmente su quella esistente. L’intervento ha origine ad est dell’abitato di Ugnano, in corrispondenza dell’incrocio con le vie di Ugnano, dei Pozzi di Mantignano e dell’Arlotto Piovano dove è stata realizzata una rotatoria: il primo lotto, inaugurato nel 2017, si conclude con il nuovo ponte sul fiume Greve. Il secondo lotto, i cui lavori sono iniziati a fine 2019, ha visto la prosecuzione della strada fino alla viabilità principale con la costruzione della nuova rotatoria di via Canova e del tratto di collegamento tra la stessa rotatoria e il ponte esistente e l’adeguamento del tratto via dell’Argingrosso. Nell'ambito del secondo lotto sono stati effettuati anche un importante intervento di regimazione idraulica richiesto dal Genio Civile della Regione Toscana che consistono in una serie di lavori in alveo e nella realizzazione di un tombino per dare continuità al Fosso degli Ortolani, sotto il nuovo rilevato stradale.

Tra gli elementi del progetto la pavimentazione stradale realizzata con materiali innovativi; il tappeto di usura stradale con prestazioni di fono assorbenza rispetto alle pavimentazioni tradizionali e realizzato con materiali che riducono il fenomeno dell’acquaplaning; l’illuminazione con lampade a LED per il risparmio energetico e la durevolezza dell’impianto e la realizzazione di un tratto di oltre 300 metri barriere antirumore a protezione del centro abitato di Mantignano e del plesso scolastico Abrosoli. 

Il finanziamento, pari a poco più di 6,2 milioni di euro, oltre un milione e mezzo per gli espropri, è a carico di Autostrade per l’Italia: si tratta infatti di un intervento compreso nel pacchetto nelle opere di compensazione per il progetto della Terza Corsia.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'episodio innescato da una lite per antiche ruggini, poi degenerata. La vittima è rimasta ferita, il suo aggressore è stato denunciato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

CORONAVIRUS