Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 24 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Samele argento nella sciabola, la dura preparazione per arrivare così in alto

Attualità mercoledì 26 maggio 2021 ore 10:49

I leoni scomparsi dal parco "Sono stati rubati"

Palazzo Vecchio ha risposto alla segnalazione dei residenti sullo strano caso dei leoni ornamentali in marmo scomparsi da un parco pubblico



FIRENZE — Palazzo Vecchio ha risposto nel modo peggiore alla denuncia dei residenti sullo strano caso dei leoni di marmo scomparsi dal parco di Villa Favard "Sono stati rubati".

La vicenda è emersa attraverso una segnalazione fatta da un residente frequentatore dell'area che ha presentato foto d'epoca e documentazioni storiche a supporto della domanda "Che fine hanno fatto i leoni di marmo?". Il tutto è stato pubblicato sulla Pagina Facebook Vecchia Firenze Mia, l'archivio digitale ideato e curato da Gianni Greco per tenere memoria di Firenze com'era nel suo passato più o meno recente.

Sul caso è stata depositata un'interrogazione firmata dai consiglieri comunali Dmitrij Palagi, Antonella Bundu e circoscrizionali Lorenzo Palandri, Francesco Gengaroli che hanno reso noto "La Giunta ha risposto facendo presente che tra i molti furti a Rovezzano rientrano i leoni di marmo, sottratti nel periodo di abbandono".

"Il Comune di Firenze - hanno commentato i consiglieri - ha acquistato Villa Favard nel 1982 segue un periodo di abbandono, durante il quale avvengono numerosi furti, compresa la sottrazione dei leoni in marmo per cui ci aveva chiesto informazioni la cittadinanza. Un mistero svelato nel peggiore dei modi: c'è un'evidente responsabilità pubblica se per quasi un decennio si lascia all'incuria un'intera area della città".

"Verificheremo la documentazione a cui si fa riferimento nella nota che ci è stata inviata dalla Giunta e prendiamo atto con preoccupazione di quanto avvenuto, perché stiamo parlando di oggetti di non agevole trasporto. Ci sarà da capire meglio, intanto la posizione ufficiale del nostro ente è chiara, anche se avremmo preferito un esito diverso" hanno concluso.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una passeggera senza biglietto ha aggredito la capotreno. Il treno regionale si è fermato dopo essere partito dalla stazione di Santa Maria Novella
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità