Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°35°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 25 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, la sicurezza blocca Simone Biles: «Mi mostra il pass? Buona fortuna»

Cronaca martedì 10 luglio 2018 ore 12:55

Gli rifiutano il ricovero e incendia un cassonetto

Il responsabile è un uomo di 40 anni. Ha atteso l'arrivo di pompieri e carabinieri e si è giustificato dicendo che era furioso con i medici



FIRENZE — Gli hanno rifiutato il ricovero all'Spdc delle Oblate e allora ha dato fuoco a un cassonetto e ha gettato a terra uno scooter parcheggiato. E' quanto ha fatto un uomo di 40 anni intorno alle 19,40 di ieri sera in viale Pieraccini.

Il 40enne è stato visto gettare un pezzo di carta in fiamme all'interno di un cassonetto dell’immondizia, provocando un incendio. Le fiamme sono state domate dai vigili del fuoco e sul posto sono giunti anche i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Firenze.

L'uomo ha atteso il loro arrivo, senza esitazioni si è assunto la paternità del gesto riferendo che in preda alla rabbia aveva anche scaraventato a terra un ciclomotore parcheggiato poco distante. In mano aveva ancora l’accendino e affermava che la sua reazione era dovuta al mancato ricovero avvenuto nel pomeriggio presso l’SPDC delle Oblate, poiché i medici non ne avevano riscontrato i presupposti, rinviandolo ad una visita di controllo prevista per questa mattina. 

L’uomo, un 40enne italiano già denunciato in passato per un analogo episodio, è stato arrestato e sarà giudicato oggi con rito direttissimo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Non sono scampati ai posti di blocco. I carabinieri si sono appostati in punti strategici per controllare il tasso alcolico sulle strade della movida
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità