QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 11°23° 
Domani 11°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 20 settembre 2019

Attualità mercoledì 05 ottobre 2016 ore 11:57

Firenze: giro di vite contro il gioco d'azzardo

Già in vigore l'ordinanza che prevede severe restrizioni per arginare la ludopatia.



FIRENZE — La nostra bella Firenze continua a far parlare di sé. Stavolta, però, ad esser sulla bocca di tutti non è il Duomo, non è Palazzo Pitti, non è Boboli. Ebbene no. In questi giorni non è l'arte l'argomento principe del dibattito pubblico fiorentino, ma, piuttosto, l'ordinanza municipale relativa agli orari di accensione e spegnimento degli apparecchi da intrattenimento collocati nei bar e nelle sale da gioco della città. 

Sono 4 i punti principali dell'ordinanza già entrata in vigore: il primo è relativo sia alla riduzione degli orari delle sale giochi autorizzate con vincita in denaro, che saranno aperte dalle 16 alle 22 di tutti i giorni, compresi festivi, anzichè dalle 12 alle 24, sia delle videolottery, che saranno accese tutti i giorni, festivi compresi, dalle 16 alle 20, anziché dalle 12 fino a chiusura (anche le sale biliardo e bowling che presentino al loro interno giochi con vincita in denaro devono rispettare questa limitazione), il secondo riguarda i nuovi limiti alle aperture; il terzo prevede multe fino a 500 euro per gli esercizi commerciali che non rispetteranno la legge; il quarto, conseguenza logica degli altri tre, è relativo ai maggiori controlli

Il provvedimento costituisce un vero e proprio "giro di vite" da parte di Palazzo Vecchio e si pone l'obiettivo di contrastare la ludopatia, ossia il gioco d'azzardo patologico, riconosciuta dal Ministero della Salute come una vera e propria dipendenza. 
Secondo le dichiarazioni del Sindaco Dario Nardella, i numeri di Firenze sono allarmanti: dal 2010 al 2015 le persone affette da ludopatia sono più che raddoppiate. Le possibilità di gioco sono oggi tantissime e giocare è possibile non solo recandosi presso una sala gioco, ma anche collegandosi comodamente da casa a casino online e approfittando, magari, di codici bonus per fare la prima giocata. 
Chi si dichiara contrario o, comunque, esprime le proprie perplessità in merito a questo provvedimento comunale sostiene che, da una parte, durante l’orario di spegnimento “coatto” degli apparecchi da gioco, aumenterebbero, fino addirittura a triplicarsi, gli accessi a siti quali Unibet e altri casinò online e, dall'altra, crescerà la “frenesia” di gioco durante gli orari stabiliti.
Non è da sottovalutare, inoltre, il fatto che il territorio fiorentino sia caratterizzato da una lunga storia di "bische clandestine" che così tornerebbero a nuova vita e inficerebbero il tessuto commerciale della città. 

In sintesi, bisogna chiedersi quali potrebbero essere le ricadute a valanga di un provvedimento del genere e se la riduzione delle ore di accensione degli apparecchi leciti presenti a Firenze non possa innalzare la redditività delle offerte di gioco illegali, provocando seri pericoli di nuove infiltrazioni mafiose. 



Tag

«Rilanciamo il turismo con le donne in vetrina», la proposta del consigliere regionale leghista toscano che indigna

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità