Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:FIRENZE13°23°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo «spoiler» di Emis Killa in un video sui social network: in arrivo un nuovo brano con Fedez

Attualità lunedì 24 giugno 2019 ore 19:05

Fuochi di San Giovanni, dove godersi lo spettacolo

Una edizione straordinaria ed imperdibile per assistere ai tradizionali fuochi d'artificio esplosi da pialle Michelangelo sull'Arno fiorentino



FIRENZE — Uno spettacolo "ancora più coreografico dei precedenti, con un finale davvero speciale" per i tradizionali Fochi di San Giovanni con più postazioni di lancio sia sui Lungarni che al Piazzale Michelangelo e 100 chili di esplosivo pronti a partire dalle 22 per animare circa 40 minuti di spettacolo pirotecnico. I fuochini di una delle imprese tra le più antiche d’Italia nata a Benevento nel 1870 ed oggi a Roccalbegna nel grossetano, intendono superarsi e superare la loro memorabile festa del 2000 a Capri per i 150 di Cartier.

Per la Società di San Giovanni Battista, sostenuta economicamente dalla Fondazione CR Firenze, si tratta di una edizione storica ricca di citazioni e ricordi ad iniziare dalla figura del maestro Franco Zeffirelli.

I fiorentini come ogni anno si ritroveranno lungo le spallette dell'Arno all'ora del tramonto e prenderanno posto sui tanti ponti che ospitano gli spettatori fin dalle prime luci della sera. Fino a qualche anno fa la tradizione vedeva unire ai fochi anche una passeggiata tra i tanti banchi di brigidini e dolciumi, oggi gli ambulanti sono diminuiti ma il consueto "struscio" lungo l'Arno consente ancora di poter godere di interessanti suggestioni. Una sera che nella memoria dei fiorentini richiama in molti casi un ricordo legato alla propria infanzia, ai nonni e genitori.

Uno dei luoghi di osservazione più rinomati è il Lungarno della Zecca Vecchia dove viene allestito un parterre con posti a sedere, ma altri luoghi organizzati si possono trovare sulla collina in riva sinistra d'Arno da piazza Ferrucci a piazza Gaddi. Tra i punti di osservazione più richiesti c'è il Ponte Santa Trinita perché l'impatto scenografico consente di fotografare i fuochi sopra al Ponte Vecchio, non è necessario sgomitare per stare al centro, meglio però evitare il lato del ponte verso l'Oltrarno perché Borgo San Jacopo copre la visuale.
Tanti sono anche coloro che scendono fin sulle rive d'Arno presso le pescaie, ad esempio a San Niccolò oppure sotto al loggiato degli Uffizi e c'è chi ha la fortuna di trovare piccole imbarcazioni da piazza Ravenna scendendo lungo il fiume. Altro luogo molto gettonato è piazza Ferrucci ed ancora il giardino del Lungarno del Tempio presso il Ponte San Niccolò. 

Il piazzale Michelangelo è molto frequentato dai turisti, ma l'effetto sarà vedere solo i giochi pirotecnici senza godere dei monumenti sullo sfondo, che possono invece risaltare da una posizione più alta rispetto al piazzale di lancio.

Anche quest'anno Palazzo Vecchio ospita una vista speciale sui fuochi dalla Terrazza di Saturno ed ancor più in alto lungo il Camminamento di Ronda, al cospetto della Torre di Arnolfo. 

Per i turisti che sono ospiti presso le strutture ricettive fiorentine potrebbe esserci la sorpresa di un punto di osservazione privilegiato sulla terrazza dell'hotel.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno