Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE10°21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 17 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Proseguono gli abbattimenti sulla A24, nel tratto Roma-L'Aquila: demolito anche il viadotto Le Pastena

Attualità mercoledì 22 settembre 2021 ore 10:41

Esercitazioni sui cadaveri in ospedale fiorentino

Per la prima volta in Italia un ospedale pubblico ospita delle esercitazioni mediche per imparare le procedure d’emergenza su corpi donati allo studio



FIRENZE — Le esercitazioni mediche sui corpi senza vita non sono una novità in Italia ma la formazione su cadavere o “Cadaver Lab”, è nuova nel pubblico. L‘ospedale San Giovanni di Dio della Ausl Toscana centro, lo sperimenterà,domani giovedì 23 Settembre per la prima volta e come prima struttura pubblica in Italia.

Nella sala dissezioni del San Giovanni di Dio, dove vengono eseguite le autopsie, venti persone tra discenti e istruttori addestrati e con esperienza nel settore della medicina d’emergenza, daranno inizio alla prima giornata formativa con esercitazioni pratiche su due cadaveri. Andranno avanti anche nel pomeriggio. Sono previste altre tre giornate formative ma quella di domani sarà la prima in cui i medici specialisti in medicina d’urgenza in servizio presso i DEA dell’Ausl Toscana centro avranno la possibilità di affiancare alla parte teorica, la parte tecnico-pratica.

I medici sperimenteranno manovre invasive d’urgenza come l’intubazione oro-tracheale, la tracheotomia, il drenaggio toracico, l’accesso vascolare venoso centrale, il posizionamento di presidi endovascolari per la gestione dell’arresto cardiaco. Lo faranno senza la pressione dell’emergenza urgenza, non su un manichino ma su un corpo umano donato alla scienza e alla formazione e sotto la guida di professionisti preparati che nei mesi scorsi, per creare il gruppo di lavoro dei docenti, hanno partecipato a loro volta, e solo loro, a due simulazioni su cadavere.

“La simulazione e la pratica che sui manichini risulta molte volte irreale - ha detto Gianfranco Giannasi, direttore del Pronto Soccorso di San Giovanni di Dio e dell’Area Emergenza Urgenza della Ausl Toscana centro - su cadavere è palesemente il modo migliore e più vicino alla realtà per preparare i discenti con vari livelli di esperienza clinica all’applicazione delle manovre invasive”.

“La pratica della simulazione su cadavere (Cadaver Lab) già utilizzata in America come base formativa, utilizza salme donate alla scienza e alla formazione - ha detto Simone Vanni, responsabile scientifico del progetto Cadaver Lab, nonché direttore del Pronto Soccorso del San Giuseppe di Empoli e direttore ad interim della SOC Centro aziendale per la simulazione del Dipartimento Emergenza e Area Critica - Benché non nuova in Italia, al San Giovanni di Dio è la prima volta che viene fatta in un ospedale del Servizio Sanitario Nazionale. Cominceremo con una parte teorico-tecnica in sala conferenza, poi proseguiremo nell’Aula settoria con le esercitazioni pratiche. Sono training che consentono ai discenti di migliorare le proprie competenze pratiche in un ambiente controllato e con il supporto costante di docenti altamente qualificati nel campo dell’emergenza”.

Il progetto è finanziato per 20mila euro dall’Azienda. Rientra nel Piano di formazione aziendale dedicato a medici che si occupano di medicina d’urgenza, quelli del pronto soccorso.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Due gli agenti feriti la scorsa notte negli scontri con un gruppo di giovani tra cui minorenni. Usciti da un locale avevano preso a calci una vetrina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS