Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:37 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 29 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il ministro Guido Crosetto canta Bella Ciao alla serata con Fiorello per il Bambino Gesù

Attualità venerdì 10 aprile 2020 ore 17:49

"​Era evidente il rischio Covid nelle Rsa"

Il segretario generale Fp Cgil Firenze ha denunciato le criticità del sistema di assistenza agli anziani chiedendo maggiore integrazione sanitaria



FIRENZE — "Era evidente che le Rsa non avrebbero potuto affrontare, nemmeno con la più virtuosa delle gestioni private, una emergenza di queste dimesioni" è quanto ha denunciato il segretario della Fp Cgil Firenze, Alessandro Giorgetti che chiede oggi di ripensare l'intero sistema assistenziale. "Lo screening di massa avviato all’intera popolazione delle strutture, ospiti e operatori, condotto a rilento e con molte falle di sistema, ha fatto emergere in tutta la sua drammaticità il problema, così come la terribile conta dei decessi" ha sottolineato inoltre il segretario del sindacato.

Giorgetti ha aggiunto "Con segnalazioni circostanziate alle istituzioni, a partire dalla Prefettura, da settimane abbiamo sostenuto i lavoratori delle strutture nell’esigere il rispetto delle regole. Da subito abbiamo riscontrato la debolezza del sistema delle RSA, frutto di anni di contenimento dei costi che si sono scaricati direttamente sul costo del lavoro, sulla quantità di assistenza e sulla sua qualità, che già in condizioni di “normalità” garantiva appena i livelli di assistenza di anziani sempre più fragili".

Il segretario ha poi evidenziato "Con l’emergenza non c’è stata capacità da parte dei gestori di approntare percorsi igienico sanitari adeguati, si pensi che anche oggi in certe strutture le divise vengono fatte lavare agli operatori a casa propria, così come non sono stati incrementati i parametri clinico assistenziali necessari a contenere il virus. D'altro canto, per quanto attiene alle RSA, va detto che queste strutture sono state definite negli anni, da parte della Regione, come strutture a carattere sociosanitario, dove la componente sanitaria è ridotta ai minimi termini. Più volte abbiamo denunciato la carenza di DPI a partire da mascherine adeguate, come la carenza di infermieri sulle 24 ore o scarsità di operatori all’assistenza che svolgevano attività su tutti gli ospiti".

"Come richiedevamo da giorni, in base all’ordinanza regionale, pare ci sarà una presa in carico da parte del Sistema Sanitario Regionale dei pazienti delle RSA e RSD anche con la gestione diretta da parte della USL di quelle strutture che non sono più in grado di garantirne la conduzione. Un intervento pubblico per costruire i percorsi organizzativi e clinico assistenziali, che prevede anche una gestione diretta dell’assistenza, perché senza gestione diretta si perde il controllo. Lo vediamo anche in altri settori dove i servizi sono erogati sia dal pubblico che dal privato: dove il pubblico è di qualità, è di miglior qualità alche il privato, si pensi ai servizi alla prima infanzia solo per fare un esempio. Per il futuro l’assistenza a anziani e disabili in struttura andrà ripensata con una maggiore integrazione con la sanità pubblica superando questo modello che ha demandato l’intera gestione al privato" ha concluso il segretario Giorgetti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I soccorsi sono scattati in piena notte e sono proseguiti ore, fin prima dell'alba. L'allarme dopo aver sentito le grida con richiesta di aiuto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità