QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 13° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 28 febbraio 2020

Arte mercoledì 24 agosto 2016 ore 11:46

E' morto Del Serra, restauratore di Giotto

E' deceduto all'età di 85 anni il restauratore Alfio Del Serra, nel corso degli anni ha "curato" opere di Cimabue, Leonardo, Botticelli e Giotto



FIRENZE — Alfio Del Serra: nel corso dei decenni, prima nel suo studio in Palazzo Pitti e poi nella Galleria degli Uffizi, ha effettuato il restauro di alcuni dei capolavori pittorici dell'arte mondiale da Giotto a Cimabue, da Duccio di Buoninsegna a Leonardo, da Andrea del Sarto a Botticelli e di molti altri pittori. Fra i restauri effettuati negli ultimi anni, il Crocifisso di Coppo di Marcovaldo e la Resurrezione di Cristofano Allori nella Cattedrale della sua Pistoia. In occasione del restauro della Cappella Sistina, fu chiamato anche a far parte della commissione internazionale.

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, esprime questo ricordo.“Chi entra oggi agli Uffizi, già nella prima magnifica sala con le Maestà di Cimabue, Giotto e Duccio di Boninsegna si imbatte in un segno tangibile del magistero di Alfio del Serra, che ne curò impeccabilmente il restauro restituendole al godimento universale. Il nome di Del Serra è legato indissolubilmente agli Uffizi e ai suoi capolavori più noti: la Nascita di Venere di Botticelli, l'Annunciazione di Leonardo, solo per citare alcuni dei suoi più famosi interventi. Ma altri capolavori sono letteralmente rinati sotto le sue cure pazienti, che non si sottraevano davanti a prove difficili come il Battesimo di Verrocchio e Leonardo, sempre agli Uffizi. Mente sottile e filosofica,dall'eloquio incantevole e quasi antico, Alfio del Serra - conoscitore di letteratura artistica e delle fonti storiche non meno che dei più moderni strumenti tecnici - vedeva al di là di patine ingiallite,brutti ritocchi, pallori malati dei pigmenti, e con bisturi, tamponi e pennello aveva il potere di ridar vita ai dipinti. Con lui le Gallerie degli Uffizi perdono un preziosissimo protagonista della storia della conservazione, un angelo del fango ai tempi dell'alluvione e un maestro della luce nel restituire splendore ai grandi maestri del passato".



Tag

Coronavirus, informativa Speranza: «Un applauso per i nostri medici, fidiamoci dei nostri scienziati»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità