QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 13° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 19 febbraio 2020

Attualità giovedì 07 settembre 2017 ore 13:45

"Dopo i concerti una montagna di spazzatura"

Denuncia di "Firenze riparte a sinistra" per la gestione dei rifiuti a 'Firenze rock': "Ventidue tonnellate di indifferenziato e 1.130 euro di multa"



FIRENZE — Il nodo del contendere della nuova polemica di fine estate che infuria a Palazzo Vecchio è la gestione dello smaltimento dei rifiuti durante il festival che si è svolto a giugno all'ippodromo del Visarno. A tirare fuori la questione sono stati i consiglieri di 'Firenze riparte a sinistra' Tommaso Grassi, Giacomo Trombi e Donella Verdi che in una nota puntano il dito contro le "ventidue tonnellate di rifiuti indifferenziati, a cui si sommano 4,7 tonnellate di imballaggi misti, 0,4 di carta, più un quantitativo che neppure Alia è stata in grado di quantificare per i rifiuti abbandonati ovunque che sono stati direttamente spazzati".

Nella stessa nota i consiglieri affermano che "gli organizzatori si erano impegnati, con tanto di accordo firmato, a fare la raccolta differenziata all'interno e all'esterno dell'arena in autonomia e rifiutando la collaborazione dell'azienda dei rifiuti fiorentina, ma di tutto ciò che aveva promesso neppure l'ombra nelle tre serate di musica rock. Tonnellate di bicchieri e bottigliette di plastica, lattine di alluminio e anche tante bottiglie di vetro, anche se sarebbero state proibite, hanno riempito l'ippodromo trasformato per l'occasione in luogo di musica, e in discarica. Tutti i rifiuti mischiati insieme: carta, umido, plastica e vetro. Un vero disastro."

Una situazione che, secondo i consiglieri, avrebbe dovuto far scattare pesanti sanzioni. "Ci saremmo aspettati dalle istituzioni delle multe e delle penali pesanti, non solo perché l'evento è stato organizzato in collaborazione col Comune e in uno spazio pubblico, ma sopratutto perché è inaccettabile un tale atteggiamento. Questo comporta infatti un aumento sui costi di raccolta e di smaltimento ma, da quanto riportato sulla risposta alla interrogazione, il tutto si è risolto con 1.130 euro di multa. Una sciocchezza, pochi euro a fronte di un danno ambientale, visto che lo smaltimento sarà in discarica o in inceneritore, e un mancato guadagno perché la plastica e i rifiuti differenziati portano un incasso nella vendita ai consorzi del recupero delle materie". 

Da qui la denuncia del gruppo consiliare guidato da Tommaso Fattori.  "In questo modo non differenziare e disattendere gli accordi conviene al privato sia logisticamente che economicamente perché poi i maggiori costi vengono sostenuti dalla cittadinanza che paga. C'è qualcosa che non va bene e per questo chiederemo una modifica del regolamento comunale elevando e introducendo una proporzione economica tra danno e sanzione, rendendola almeno 10 volte il costo che la collettività dovrà sostenere, così da coprire parzialmente anche i costi ambientali. Certo, l'obiettivo deve essere quello della raccolta differenziata e di non alimentare con questi errori la logica dell'incenerimento o della discarica, e non di elevare sanzioni, ma quantomeno dovrebbe valere come deterrente contro qualche furbetto che si vuole approfittare della stupidità dei regolamenti comunali".



Tag

Abbonamenti pirata alle pay tv, 223 denunciati

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità