Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:52 METEO:FIRENZE11°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 28 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Funerali Ennio Doris, Berlusconi fa le condoglianze alla moglie Lina Tombolato

Lavoro sabato 19 settembre 2020 ore 13:16

Dipendenti pronti a rilevare la coop per salvarla

I dipendenti hanno deciso di fondare una nuova cooperativa per rilevare così la storica azienda che mette insieme più di 500 soci agricoltori



FIRENZE — La Cooperativa Agricola di Legnaia può essere salvata dai suoi lavoratori, col meccanismo del workers buyout, sono 21 i dipendenti che hanno deciso di fondare la cooperativa Produzione Lavoro Parco Dell’Oltregreve, supportati dalle società di servizi di Confcooperative, Cica Bologna e Unisco Toscana Link, per rilevare la storica azienda cooperativa che mette insieme più di 500 soci agricoltori, e offre prodotti alimentari, piante, semi e attrezzi agricoli con tre punti vendita a Firenze, Borgo San Lorenzo e Scandicci.

La Cooperativa di Legnaia è in liquidazione coatta e si avvia la procedura delle aste pubbliche.

"Abbiamo iniziato a lavorare al progetto a gennaio scorso - ha spiegato il presidente della nuova coop, Stefano Rossi - Sostenuti da Confcooperative Toscana - spiega - abbiamo avviato il percorso di finanziamento con Cooperazione Finanza e Impresa, società finanziaria partecipata dal ministero dello Sviluppo economico, e avviato un confronto costruttivo con le istituzioni locali e con i sindacati. A chi ci dice che siamo pazzi ad investire la nostra Naspi nella cooperativa e diventare imprenditori, rispondiamo semplicemente che abbiamo un obiettivo condiviso: rigenerare Legnaia come protagonisti, con un progetto ambizioso che coniuga la valorizzazione del lavoro e delle produzioni agricole locali con una nuova rilevanza sociale del centro commerciale di Legnaia ".

Il salvataggio della Cooperativa di Legnaia potrebbe diventare un modello per le crisi dei prossimi anni. "Il workers buyout - ha detto Claudia Fiaschi, presidente di ConfcooperativeToscana - può trasformare le crisi di impresa in opportunità di rilancio economico attraverso lo strumento cooperativo: è un tema che abbiamo portato all'attenzione dei principali candidati alla presidenza della Regione Toscana negli incontri che abbiamo effettuato in vista dell'appuntamento elettorale di domani e lunedì, affinché possa entrare a far parte delle politiche della prossima amministrazione regionale"

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La protesta dei residenti viaggia con la posta elettronica, centinaia di lettere inviate agli assessori per chiudere il giardino di via Galliano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità