comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 22°35° 
Domani 21°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 06 luglio 2020
corriere tv
Decreto rilancio, ecco le novità da sapere

Attualità venerdì 11 novembre 2016 ore 17:25

Una corsa a sostegno del trapianto domiciliare

Un progetto sostenuto da una corsa e una raccolta fondi che darà la possibilità ai trapiantati di midollo di svolgere la riabilitazione a casa propria



FIRENZE — Il progetto vuole dare la possibilità ad alcuni pazienti che si sono sottoposti a trapianto di midollo osseo di svolgere il lungo e delicato periodo post trapianto a casa propria o in una struttura di accoglienza Casa Ail. gestita dalla sezione fiorentina dell'Associazione italiana leucemie, linfomi e mieloma. 

A sostegno di questo progetto verrà organizzata per domenica 20 novembre una corsa podistica non competitiva sulle colline di Serpiolle e Cercina, "AILovesRUNNING" alla quale verrà accostata anche una raccolta fondi. 

Questo progetto è stato presentato in Regione dall'assessore regionale alla salute Stefania Saccardi, insieme a Sara Funaro, assessore al welfare e sanità del Comune di Firenze, Camilla Sanquerin, assessore alle politiche sociali e giovanili del Comune di Sesto Fiorentino, Monica Calamai, direttore generale Aou Careggi, Silvio Fusari, presidente Ail Firenze, Riccardo Saccardi, responsabile terapie cellulari e medicina trasfusionale di Careggi e Francesca Vitali che ha realizzato e donato la maglia ufficiale dell'evento. 

L'evento sportivo è organizzato da Ail sezione di Firenze con il patrocinio di Regione Toscana, Comune di firenze Comune di Sesto Fiorentino e Azienda ospedaliero-universitaria di Careggi, ed è stato reso possibile grazie alla collaborazione di G.S Maiano, G.S Le Panche Castelquarto e Uisp. 

Con il nuovo protocollo si potranno eseguire più trapianti in reparto e, grazie all'assistenza domiciliare si porterà molteplici benefici al paziente, tra i quali: supporto emotivo, grazie alla vicinanza dei familiari, la possibilità di svolgere l'intero iter post trapianto a casa propria o in una struttura di accoglienza e nel caso di complicazioni, una facilitazione nelle procedure di reinserimento in strutture ospedaliere e in generale un miglioramento della qualità di vita anche per chi assiste il malato. 

STEFANIA SACCARDI SU PROGETTO DI TRAPIANTO DOMICILIARE - dichiarazione


Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità