Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:08 METEO:FIRENZE19°33°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 28 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Cosa guadagna l'America dalla guerra

Attualità lunedì 18 aprile 2016 ore 10:15

Sonni tranquilli in mezzo ai rifiuti

Cartoni, bicchieri e sacchetti abbandonati nel piazzale davanti a Santa Maria Novella reduce dal fine settimana. E c'è chi dorme in mezzo al degrado



FIRENZE — In molti commentavano a denti stretti. Altri a piena voce. Altri ancora guardavano con sguardo un po' sconsolato mentre uscivano dalla stazione il degrado sul prato davanti allo scalo ferroviario di Santa Maria Novella. Sullo sfondo la basilica che è la porta del centro storico per chi arriva in treno a Firenze.

Un benvenuto un po' desolante a pendolari, turisti e gite scolastiche in uscita da una stazione brulicante nella mattina del lunedì. 

Segni forse di un fine settimana un po' troppo movimentato. I residui a terra sono quelli delle bottiglie di vetro, bicchieri di plastica e sacchetti pieni di sporcizia che punteggiano il prato al posto delle margherite primaverili. E in mezzo a tutto questo c'è chi si è steso a dormire e infastidito dal rumore del traffico di auto, bus e pullman si gira dall'altra parte in cerca di un po' di silenzio. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si prepara una tregua alle alte temperature con un fine settimana tra pioggia e schiarite e massime in diminuzione sulla media stagionale. Ma per poco
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

STOP DEGRADO

Attualità