Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:40 METEO:FIRENZE18°31°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 12 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Europei 2021, Mancini: «Noi favoriti? Mancano solo sei partite, è ancora lunga»

Attualità lunedì 16 novembre 2020 ore 13:55

Città d'arte meno care per la crisi da Covid

La Toscana è al quinto posto per il calo dei prezzi. A Firenze la flessione corrisponde ad un risparmio di 248 euro per famiglia, su base annua



FIRENZE — Sono poche le regioni e le città con più di 150 mila abitanti che hanno registrato un aumento dei prezzi nell'ultimo periodo, è quanto emerge dai dati Istat sull'inflazione. 

A Firenze la flessione dei prezzi dello 0,9 per cento consente ad una famiglia di risparmiare, su base annua, circa 248 euro. Un'altra città toscana, Livorno, segna tra Settembre e Ottobre una flessione dello 0,1 per cento. La Toscana segna un meno 0,4 per cento. 

Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori, ha commentato così i dati dell'ultimo rapporto "I prezzi scendono in tutte le città d'arte per via del crollo della domanda turistica. Il record è a Venezia, -1,4 per cento, seguita a ruota da Milano, -1,2, dove evidentemente il calo di fiere, meeting e incontri d'affari ha fatto precipitare la richiesta di molti servizi e, conseguentemente, i loro prezzi". "Anche se le cause della deflazione sono negative e dovute all'emergenza Covid, gli effetti per le famiglie residenti in quelle città sono comunque positivi. Il calo dei prezzi, infatti, contiene la caduta del potere d'acquisto determinata dal minor reddito disponibile e dai minori guadagni".

"A Venezia, la flessione dei prezzi consente ad una famiglia di risparmiare, su base annua, 374 euro. A Milano, il ribasso dei prezzi determina una minor spesa annua pari a 348 euro. Al terzo posto Roma, dove l'inflazione a -1 genera una diminuzione della spesa, per una famiglia tipo, pari a 259 euro".

E tra le regioni? In testa alla classifica delle regioni meno costose con un'inflazione negativa pari allo 0,9 c'è il Lazio che registra, per una famiglia media, un ribasso pari a 217 euro su base annua, segue la Lombardia, dove la flessione comporta una riduzione del costo della vita pari a 190 euro, terza la Valle d'Aosta, con una contrazione annua di 178 euro. La Toscana è quinta dopo Veneto ed Emilia Romagna, insieme alle Marche, e segna un meno 0,4 per cento sotto la media italiana del meno 0,3.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il mezzo fermato stamani dalla Municipale è risultato privo di assicurazione, ma negli ultimi giorni sono stati 15 tra navette e risciò multati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità