comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 16° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 30 marzo 2020
corriere tv
Coronavirus, le possibili tappe della (lenta) ripresa dopo la crisi

Attualità mercoledì 05 agosto 2015 ore 15:21

Morte della 17enne: la strada era illuminata

Immagine di repertorio

​Dopo il tragico incidente a Marina di Donoratico parla il sindaco Scarpellini: "il tratto è assolutamente in buone condizioni di manto stradale"



"Ho atteso alcuni giorni prima di entrare in qualche modo nel drammatico incidente in cui ha perso la vita Sara, concentrandomi solo sul profondo dolore e cordoglio per la sua famiglia". Interviene con un comunicato stampa il sindaco di Castagneto Carducci Sandra Scarpellini dopo l'incidente nella notte del 31 luglio scorso in cui ha perso la vita, a Marina di Donoratico, la giovane 17enne fiorentina.

"Dopo aver letto su giornali e social molte informazioni errate - chiarisce Scarpellini - vorrei provare almeno a ristabilire alcuni elementi di corretta conoscenza, utili solo a inquadrare meglio quanto accaduto e non certo per formulare giudizi morali o peggio ancora favorire processi mediatici, laddove invece saranno gli organi competenti a esprimersi".

"Sara ha perso la vita in via della Marina, ovvero Via Provinciale 17 e non in via Po, come invece più volte scritto da alcuni organi di informazione - precisa il sindaco - La strada è provinciale, ed il tratto di cui parliamo è assolutamente in buone condizioni di manto stradale e con adeguata illuminazione; è inoltre costeggiata da una striscia di percorso pedonale e ciclabile che separa con una staccionata dalla carreggiata stradale coloro che vi transitano".

A proposito dell'illuminazione Scarpellini chiarisce che "nei giorni precedenti all'incidente abbiamo avuto dei guasti alla rete pubblica, che la sera e la notte dell'incidente era perfettamente funzionante e la strada era illuminata".

"I classici dissuasori di velocità non possono lì essere inseriti perché non consentiti dal Codice della Strada - prosegue il sindaco - Ogni azione per migliorare la pista ciclabile che costeggia la strada deve essere fatta, ma non accetto che si rappresenti come un disastro impercorribile a piedi. Deve essere migliorata e resa più sicura e invitante per i ciclisti, ma i pedoni con certezza devono, senza alcuna scusante, camminare lì dentro, dove possono procedere in sicurezza".

"Tutto ciò per ribadire che ogni riflessione sul garantire condizioni di sicurezza delle strade deve essere fatta, e ben altre sono le vie malmesse di Marina, e non ci tiriamo indietro, anzi ci lavoriamo - aggiunge Scarpellini - Così come ci dovrà vedere protagonisti un lavoro di educazione a comportamenti di massima sicurezza per se stessi e gli altri specie nel periodo estivo, quando le persone si moltiplicano".

"Ogni altro indugiare su una tragedia simile con particolari scorretti e totalmente avulsi - conclude - è quanto di più irrispettoso si possa fare verso chi sta vivendo nel dolore più assoluto".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Lavoro

Sport