Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:FIRENZE23°41°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 27 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Unione europea, perché l'unanimità non funziona: la strategia del ricatto

Spettacoli lunedì 11 aprile 2022 ore 15:00

Letizia Fuochi con Neruda e Garcia Lorca

Alla Biblioteca Comunale l’artista fiorentina protagonista di “Sotto il segno della Musa. Federico Garcia Lorca e Pablo Neruda”. Sogni, canzoni e poesie con il quarto incontro del ciclo ECCOMI!



CALENZANO — Federico Garcia Lorca giunge a Buenos Aires nell’ottobre del 1933, dopo una lunga traversata a bordo del transatlantico italiano Conte Grande.

Il poeta e scrittore andaluso è stato invitato in Argentina per la prima della sua tragedia “Nozze di sangue” e la sua presenza viene contesa nei banchetti ufficiali organizzati in suo onore. Del resto, scrive Garcia Lorca a casa “sono famoso come un torero”.

Durante uno di questi banchetti Federico Garcia Lorca conosce il signor Ricardo Eliezer Neftalì Reyes Basoalto, console cileno e poeta ancora in formazione, più giovane di sei anni.

Il signor Basoalto in realtà ha un nome d’arte, si chiama Pablo Neruda, nome assunto in onore dello scrittore cecoslovacco Jan Neruda.

Tra i due nasce subito amicizia e reciproca stima e già qualche giorno dopo si ritrovano ad intrattenere insieme gli ospiti di una cena ufficiale del Pen Club di Buenos Aires, alternandosi in una improvvisata conferenza a due voci in onore del poeta ispanoamericano Ruben Dario. Gli ospiti sono estasiati, i due si alternano come due toreri “al alimon”, concludendo l’uno le frasi dell’altro con molta naturalezza ed eleganza cosicché la conferenza sembra preparata in precedenza.

Da allora il sodalizio e l’amicizia tra Federico Garcia Lorca e Pablo Neruda non si spezzerà mai nonostante le loro marcate diversità caratteriali, che si traducono sia nel vivere che nello scrivere.

Da una parte Lorca grande affabulatore di intere platee e dall’altra Neruda schivo e riflessivo. Da una parte lo spagnolo geniale e poliedrico dall’altra il cileno metodico, ambedue portavoce dei dimenticati e degli oppressi.

Garcia Lorca muore nel 1936 durante la guerra civile spagnola, fucilato da nazionalisti franchisti mentre Neruda vive fino al 1973, quando spira in un ospedale di Santiago pochi giorni dopo il golpe di Pinochet.

Neruda viene a Firenze nel gennaio del 1951, nel periodo in cui è costretto all’esilio per fuggire dal regime di Videla.

A Firenze il poeta cileno resta poco ma trova comunque l’ispirazione per comporre due poesie dedicate alla città, per lungo tempo quasi dimenticate, “La città” e “Il fiume”.

La bellezza e la grandezza di Pablo Neruda e Federico Garcia Lorca domani sono protagoniste alla Biblioteca Comunale di Calenzano, per il merito e per l’iniziativa di Letizia Fuochi, poliedrica artista fiorentina, autrice e protagonista affascinante di numerosi spettacoli nella forma del teatro canzone.

La Fuochi, sulla scena dal 1999, è scrittrice, cantante, autrice teatrale oltre che di canzoni struggenti, con testi ricercati e parole delicate che toccano il cuore.

Sotto il segno della Musa, Federico Garcia Lorca e Pablo Neruda”, si intitola così l’incontro a cura di Letizia Fuochi nell’ambito dell’iniziativa “ECCOMI! Racconti, poesie, sogni e canzoni”.

L’appuntamento è per le ore 21, l’ingresso è gratuito ma la prenotazione è obbligatoria al numero 055 8833421. L’accesso è regolamentato dalla vigente normativa Covid.

Nella voce dell’Arno riconobbi allora vecchie parole che cercavano la mia bocca, come chi ha mai conosciuto il miele e poi ne riconosce la delizia.” da “Il fiume” di Pablo Neruda

Marco Burchi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incendio sull'autovettura è divampato lungo la superstrada Firenze Pisa Livorno. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco da Firenze
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca