Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:FIRENZE13°23°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo «spoiler» di Emis Killa in un video sui social network: in arrivo un nuovo brano con Fedez

Attualità venerdì 19 gennaio 2024 ore 11:25

Per l'edilizia sanitaria 61 milioni di euro

infermieri ospedale

Sono 11 gli interventi in ponte in ospedali e servizi territoriali contenuti in un'intesa Stato-Conferenza delle Regioni: ecco l'elenco completo



TOSCANA — Edilizia sanitaria toscana e ammodernamento tecnologico in ospedali e servizi territoriali possono contare su risorse per un ammontare di oltre 61 milioni di euro. Sono 11 gli interventi contenuti in un’intesa tra Stato e Conferenza delle Regioni che nelle prossime settimane sarà ratificata, con le firme politiche e tecniche, e che darà gambe al piano di investimenti presentato nel 2022. 

I 61 milioni complessivamente destinati adesso integrano il primo finanziamento del 2022 che ammontava a quasi 280 milioni, di cui per 125 milioni ha beneficiato l'Asl Toscana Centro, per 32 milioni l'Asl Toscana Nord Ovest, per 41 milioni l'Asl Toscana Sud Est, per 3 milioni e 750 mila euro l’Aou Careggi, per due milioni il Meyer, per 14 milioni e 400 mila euro l’Aou Pisana, per oltre 46 milioni l’Aou Senese e per 14 milioni la Fondazione Gabriele Monasterio.

Delle attuali risorse messe a disposizione beneficeranno l’Asl Nord Ovest, l’Asl Sud-Est, Careggi e l’azienda ospedaliaro-universitaria pisana. Ecco tutti i dettagli.

Sei interventi per oltre 28 milioni nell’Asl Nord Ovest

Nell’elenco compare l’adeguamento sismico e impiantistico dell’ex ospedale di Carrara, da convertire in poliambulatorio per il territorio. La struttura del monoblocco, progettato negli anni Cinquanta e completato nei primi anni Settanta, sarà rinforzata e resa meno rigida. L’intervento costerà 6 milioni e 36 mila euro.

Un milione e mezzo di euro sono destinati alla futura Casa della comunità di Massarosa, attraverso il recupero di un immobile dell’amministrazione comunale. La Casa della comunità avrà un’area dedicata alle attività di medicina generale, una destinata ai pediatri di libera scelta, un ambulatorio per le vaccinazioni dell’infanzia e adolescenza, uno spazio per i servizi dei Cup, uno per i servizi integrati socio-sanitari e per i servizi aziendali, tutti allo stesso livello. Lo spazio esterno sarà adibito a parcheggi per rendere più facile l’accesso.

Rientra nel piano anche la realizzazione della residenza sanitaria per esecuzione delle misure di sicurezza detentiva presso l’area ospedaliera di Volterra, in particolare la realizzazione della seconda fase del Padiglione Livi – lotto 2, stralcio 2 - che, con un investimento di quasi 5,7 milioni di euro, consente di completare una delle strutture idonee al superamento degli ospedali psichiatrici in Toscana. Quasi 7 milioni sono destinati sempre a Volterra al terzo lotto di intervento del complesso dell’ex ospedale psichiatrico, a completamento degli interventi di consolidamento e miglioramento sismico finanziati con il Pnrr

Con due milioni e 400 mila euro sarà finanziato anche il nuovo distretto di Castelnuovo Garfagnana: in un immobile che sarà acquistato verranno riuniti servizi oggi dislocati in edifici diversi, come centro prelievi, la riabilitazione funzionale, le cure primarie e vaccinazioni, la salute mentale per adulti, infanzia ed adolescenti, l’assistenza domiciliare infermieristica e quella sociale.

Con sei milioni saranno sostituite infine in tutta l’Asl Toscana Nord Ovest una serie di apparecchiature e strumentazioni sanitarie oramai ritenute datate o per cui rischiano di non essere più garantiti i pezzi di ricambio.

Quasi 18 milioni per Siena, Arezzo e Grosseto

Sono tre gli interventi che riguardano l’Asl Toscana Sud-Est. C’è il nuovo hospice dell’ospedale di San Donato ad Arezzo (4,5 milioni di euro): l’intervento consentirà di riqualificare l’area del Pionta. Nel nuovo edificio che sarà realizzato troveranno spazio al piano terra 8 camere di degenza e due locali di day-hospice, mentre il primo piano sarà destinato ai servizi per il personale dipendente, spogliatoi, sale riunioni ed un’area di preparazione dei farmaci. 

A Siena 12 milioni di euro saranno utilizzati per riorganizzare i servizi attualmente presenti presso il poliambulatorio di Pian d’Ovile e spostarli nella casa di comunità che troverà spazio in viale Sardegna. Un altro milione e 200 mila euro, da aggiungere alle risorse del Pnrr destinate allo stesso scopo, servirà a sostenere il rinnovo delle apparecchiature elettromedicali a disposizione dell’azienda. In particolare saranno sostituite 4 diagnostiche con pensile per acquisizione di immagini radiologiche digitali, un arco a C di ultima generazione (da utilizzare in particolare in ortopedia, endoscopia bronchiale, chirurgia urologica, chirurgia vascolare, radiologia interventistica, elettrofisiologia e cardiochirurgia), 35 elettrocardiografi ad elevate prestazioni, carrellati e compatibili con la piattaforma di telerefertazione e 7 apparecchi elettromedicali a bassa complessità utilizzabili per attività dell’ambulatorio medico.

Aou Pisana e Careggi

Dodici milioni sono destinati alla riorganizzazione funzionale, adeguamento sismico ed anticendio dell’edificio 3 di Cisanello a Pisa. L’intervento è parte di un più ampio piano di ampliamento e riorganizzazione dell’azienda ospedaliero-universitaria per la realizzazione del nuovo ospedale Santa Chiara, dove convergeranno tutte le attività sanitarie dell’azienda e della facoltà di medicina e chirurgia.

L’azienda di Careggi a Firenze potrà contare invece su 2 milioni e 903mila euro destinati alla sostituzione di piattaforme diagnostiche. Si tratta di due Tac, una destinata ad applicazioni radioterapiche e per l’altra cardiologiche. Sarà acquistato anche un ecotomografo cardiologico di altissima fascia.

"Strutture e apparecchiature d'avanguardia"

“Una sanità pubblica di eccellenza e capace di prendersi cura dei bisogni di cittadini ha bisogno di struttura adeguate e di apparecchiature all’avanguardia. Non è il primo e non sarà l’ultimo investimento che faremo” sottolinea il presidente della Toscana, Eugenio Giani.

“Con questo atto prosegue il nostro impegno ad investire sull’edilizia sanitaria e sull’innovazione tecnologica – commenta l’assessore regionale al diritto alla salute, Simone Bezzini –. L’obiettivo è quello di avere strutture sempre più funzionali ed offrire assistenza di qualità ai cittadini”.

“Con questo atto, la Toscana si conferma tra le prime Regioni in Italia per la capacità di utilizzo delle risorse derivanti dall’articolo 20, ma anche da altre fonti come il Pnrr – concludono in coro presidente ed assessore -.  Gli investimenti per la riqualificazione strutturale e tecnologica rappresentano un aspetto centrale per lo sviluppo del sistema sanitario pubblico e per questo va reso merito agli uffici dell’assessorato e agli uffici tecnici delle aziende che, in questa fase, stanno sostenendo un impegno straordinario nella gestione dei diversi filoni di finanziamento”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno