comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:26 METEO:FIRENZE10°19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 20 ottobre 2020
corriere tv
«Due» il primo concerto live per un solo spettatore alla volta

Attualità lunedì 28 settembre 2020 ore 17:45

In Toscana le casse dei ristoranti restano vuote

Incassi crollati dell'80% nei centri storici e del 40% in periferia. Mazzata smartworking sui pranzi di lavoro. Nuovo allarme dei Ristoratori Toscana



FIRENZE — Niente da fare nemmeno dopo la riapertura per i ristoranti in Toscana che continuano a soffrire dopo il lungo periodo del lockdown. Lo dicono i risultati dell'ultimo sondaggio dei "Ristoratori Toscana" che rappresenta 15.000 operatori in tutta la regione, 1.000 solo a Firenze. 

Secondo l'indagine, gli incassi sono crollati dell'80% nei centri storici delle città toscane che si sono svuotati di turisti stranieri e che, fino a prima dell'emergenza sanitaria, erano un motore sempre acceso. Fuori dai centri storici, invece, la riduzione non va oltre il 40%.

E anche il settore dei pranzi di lavoro. Sì perché anche dopo il lockdown il lavoro da casa o "smartworking" è rimasto una pratica diffusa che sempra consolidarsi a prescindere dalle cause di forza maggiore dell'epidemia. 

In termini numerici, spiegano i ristoratori, l'80% delle imprese ha fatto ricorso alla cassa integrazione mentre il 10% dei ristoranti non ha ancora riaperto. Sempre il 10%, dopo aver riaperto a maggio, ha deciso di chiudere in quanto le uscite superano le entrate. Solo il 13% delle aziende ha ottenuto gli aiuti sopra i 25mila euro.

E sul fronte degli incassi, la metà degli intervistati ha registrato perdite tra il 50 e l'80%. Il 30% ha perso più del 40%. Solo il 20% meno del 40%. Sei imprenditori su 10 non hanno modificato giorni e orari. Gli altri, invece, hanno deciso di rimanere chiusi o a pranzo o a cena, a seconda del luogo in cui si trovano.

Il portavoce del gruppo Pasquale Naccari ha spiegato che ai ristoratori "in questo momento manca il credito e sul fronte dei canoni di locazione siamo rimasti al palo. Tra l'altro non è stato previsto nessun tipo di indennizzo nel caso in cui un locale venisse chiuso per coronavirus. E a oggi stanno ancora arrivando le casse integrazione di maggio. La situazione è drammatica e noi siamo abbandonati a noi stessi, al destino. È una roulette russa rimanere aperti”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca