Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 23 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Remuzzi:«Le cure domiciliari non sono un'alternativa al vaccino»

Attualità giovedì 26 maggio 2016 ore 16:02

"La notte del disastro procedure rispettate"

Cgil, Cisl e Uil difendono gli operai di Publiacqua per gli interventi sul lungarno Torrigiani: "No al balletto delle responsabilità"



FIRENZE — I sindacati regionali di Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil prendono posizione sulla vetustà delle reti idriche di Firenze e dell’Italia intera e sulla necessità di accelerare gli investimenti per l'ammodernamento.

Per quanto riguarda in particolare la notte del disastro fiorentino, Filctem, Femca e Uiltec hanno dichiarato in una nota congiunta che i lavoratori che sono intervenuti sul lungarno "hanno rispettato tutte le procedure previste da Publiacqua" per gli interventi sulle tubazioni rotte del lungarno Torrigiani.

"Per questo si ritiene ingeneroso e sbagliato il balletto delle responsabilità che si è aperto immediatamente dopo l'incidente, senza un'analisi precisa dell'accaduto - dicono i sindacati - Richiamiamo tutti i soggetti coinvolti a una maggiore attenzione".

"Al netto delle specifiche dinamiche su cui risulta aperta un’indagine della procura a cui i sindacati guardano, come sempre, con fiducia e rispetto - proseguono i sindacati di categoria - il sistema idrico italiano richiede ingenti interventi per superare le criticità infrastrutturali il cui costo è stimato in diverse decine di miliardi di euro per l’intero Paese e in circa 6 miliardi per la Toscana".

"La rete idrica delle grandi città storiche si basa infatti su opere realizzate, in buona parte, nel periodo a cavallo della seconda guerra mondiale o in quello subito successivo - aggiungono i sindacati - La tubazione di Lungarno Torrigiani, da 600 dn, rientra tra quelle posate da circa 70 anni. Per questo il tema degli investimenti assume grande rilevanza e richiama le aziende di gestione e gli enti locali proprietari alla responsabilità di definire le misure per  incrementare il livello degli interventi senza gravare sulle tariffe applcate ai cittadini, ad esempio distribuendo meno utili ai soci e dedicandone parte ad investimenti".

"Le rappresentanze sindacali sono impegnate con i gestori del servizio idrico in trattative sui modelli organizzativi - concludono i sindacati - molte volte in opposizione alle volontà aziendali di operare riduzioni dei presidi e, quindi, del livello del servizio offerto".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incendio, sviluppatosi nella tarda mattinata, ha coinvolto un fabbricato e in particolare la copertura. Sul posto i vigili del fuoco
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità