Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:00 METEO:FIRENZE14°24°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Salari, premierato, redditometro, a Trento il duello (sul palco) Meloni-Schlein

Attualità sabato 27 maggio 2023 ore 19:20

Mattarella in Toscana per Georgofili e Don Milani

Il presidente Mattarella al Palazzo di Giustizia di Firenze, accolto dal presidente della Regione Giani e dal sindaco Nardella
Il presidente Mattarella al Palazzo di Giustizia di Firenze, accolto dal presidente della Regione Giani e dal sindaco Nardella

Il capo dello Stato al mattino a Barbiana e poi a Firenze per i 30 anni della strage mafiosa. Meloni: "Nessun italiano potrà mai dimenticare"



FIRENZE — Trent'anni fa la strage mafiosa di via dei Georgofili a Firenze, e oggi 27 Maggio per commemorare il doloroso anniversario è arrivato in Toscana il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha preso parte a una cerimonia ufficiale organizzata al Palazzo di Giustizia del capoluogo toscano dalla Corte d'appello dopo la mattinata trascorsa a Barbiana, nel territorio comunale di Vicchio in Mugello, per celebrare il centenario della nascita di Don Milani.

Mattarella è stato accolto al Palagiustizia del capoluogo toscano dal presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e dal sindaco di Firenze Dario Nardella, mentre alla cerimonia in auditorium tra gli altri sono intervenuti - oltre al presidente della Corte d'appello di Firenze Alessandro Nencini - il procuratore nazionale antimafia Giovanni Melillo, la presidente della Corte costituzionale Silvana Sciarra, il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura Fabio Pinelli e il presidente della Corte di cassazione Margherita Cassano.

"La strage dei Georgofili ha segnato profondamente Firenze e l’Italia. E’ stata una strage drammatica che pose la Toscana di fronte al fatto che la mafia poteva essere in mezzo a noi, nella nostra realtà", ha affermato Giani. 

"La presenza del presidente della Repubblica al Palazzo di Giustizia di Firenze, oggi, è veramente il suggello della reazione e del contrasto alla mafia, alla criminalità organizzata", ha proseguito il governatore.

E sulla strage di via dei Georgofili è intervenuta oggi anche il presidente del consiglio Giorgia Meloni anche via Twitter: "Nessun fiorentino, nessun italiano, potrà mai dimenticare la strage dei Georgofili. Così come nessuno potrà mai cancellare dalla memoria quegli anni così difficili per la nostra Nazione, segnati da altri sanguinosi attentati e stragi", recita il suo messaggio.

Erano le 1,04 del 27 Maggio 1993: un boato squarciò la notte di Firenze infiammando la Torre del Pulci in via dei Georgofili. La mafia aveva fatto esplodere un furgoncino imbottito di tritolo. Cinque le vittime: l'intera famiglia Nencioni con papà Fabrizio di 39 anni, mamma Angela di 31 e le piccole Nadia e Caterina di 9 anni e meno di due mesi e lo studente Dario Capolicchio, 22 anni.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Toscana si affaccia su un fine settimana di tempo instabile caratterizzato da variabilità. Ecco le previsioni fra sole e nuvoloni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità