comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:29 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 24 novembre 2020
corriere tv
Lilli Gruber a Conte: «Ha mai sentito Mario Draghi?». E il premier non la prende bene

Attualità mercoledì 13 luglio 2016 ore 18:10

"Dopo il disastro in Puglia dico sì al tunnel Tav"

Il giorno dopo l'incidente ferroviario costato la vita a 23 persone, il governatore Rossi è categorico: "Non darò alcun assenso a soluzioni diverse"



FIRENZE — Quando il sindaco Dario Nardella ha proposto di rimettere in discussione le due grandi opere dell'alta velocità ferroviaria fiorentina, la stazione sotterranea di via Circondaria e il tunnel di collegamento con la stazione Campo di Marte, il presidente della Regione Toscana, pur perplesso, si era reso disponibile a un confronto.

Ma l'immensa tragedia accaduta ieri in Puglia lo ha fatto tornare rapidamente sui suoi passi.

"Dovranno passare sul mio corpo, non si può ripartire tutte le volte, i treni Av vanno separati da quelli regionali - ha dichiarato Rossi in un'intervista a Controradio - Per questo si faccia il sottoattraversamento di Firenze. Non darò nessun assenso a soluzioni diverse fino a quando sarò presidente di questa Regione, soprattutto alla luce di quanto è avvenuto in Puglia".

"Invito Ferrovie a ripensarci e anche il governo - ha detto ancora Rossi - Capisco la revisione del progetto portata avanti dal ministro Del Rio ma serve una riflessione serena e a Firenze significa separare le linee Av da quelle regionali. Non vorrei che fra qualche anno si passasse da bischeri: se la velocizzazione tecnologica proposta dalle Ferrovie per aumentare la capacità dei binari si mostrasse inadeguata".

Le dichiarazioni di Rossi sono state molto contestate da numerosi esponenti della sinistra e del Movimento 5 Stelle. Più cauta la posizione del Comune di Firenze che preferisce affrontare la questione nell'incontro con governo, Regione e Ferrovie convocato a Roma per il 21 luglio. "Non ho mai fatto mistero delle mie perplessità sulle opere Tav - ha ribadito il sindaco Nardella - Come del resto il mio precedessore Matteo Renzi".

"Nessuno ha dubbi sull'utilità dell'opera - ha commentato in una nota il segretario del Pd metropolitano Fabio Incatasciato - La richiesta di verifica di Nardella nasce da un impulso del governo e anche per questo sostengo che, prima di pronunciarsi nel merito della questione, occorre capire cosa intende fare l'esecutivo".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Lavoro