Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:25 METEO:FIRENZE13°21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 07 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Attualità giovedì 26 luglio 2018 ore 16:35

Codice rosa, nuova intesa fra Regione e Procure

Il nuovo accordo punta a migliorare ulteriormente il percorso che si attiva quando una vittima di violenza accede a un pronto soccorso in Toscana



FIRENZE — Per garantire in modo uniforme in tutta la Toscana il miglior supporto possibile alle vittime di violenze e abusi che accedono al pronto soccorso degli ospedali in codice rosa, con particolare riferimento alle donne e ai bambini, la Regione Toscana ha siglato un’intesa con la procure di Firenze e degli altri capoluoghi toscani. 

Il codice rosa è un percorso socio-sanitario nato nel 2010 proprio in Toscana. Dal 2012 al 2017 ne hanno usufruito 17.300 persone. Nei primi tre mesi del 2018, 646.

Il protocollo è il frutto di un tavolo di lavoro permanente istituito il 5 aprile 2017, coordinato dal procuratore generale Marcello Viola e composto dai procuratori referenti di Codice Rosa delle singole procure toscane. Il coordinamento è affidato alla responsabile della Rete regionale Codice Rosa Vittoria Doretti.

"Un grazie alla Procura generale e a tutti i Procuratori che hanno dato la disponibilità a mettersi intorno a un tavolo e lavorare per identificare una procedura omogenea che possiamo adottare in ogni punto della Toscana - ha detto l'assessore Stefania Saccardi - Lavoriamo da anni al progetto Codice Rosa. Prima era una procedura esclusivamente sanitaria, ora socio-sanitaria, e il percorso sanitario è collegato a un percorso sociale. In varie zone della Toscana si sono sviluppate esperienze interessanti tra Procure e strutture sanitarie. Vogliamo omogeneizzare queste esperienze e mettere insieme un metodo. Il tavolo non chiuderà con la firma del protocollo, ma continuerà per migliorare costantemente i percorsi che abbiamo individuato per garantire la massima tutela alle vittime di violenza. Quello di oggi è un importante passo avanti nel percorso che abbiamo messo insieme del Codice Rosa, e che lo completa".< /p>

"I lavori per arrivare a questo protocollo hanno visto coinvolte tutte le Procure - ha dichiarato il Procuratore generale Marcello Viola - Un ringraziamento per la grande sensibilità dimostrata dalla Toscana, che è stata la prima Regione che si è dotata di una legge sulla violenza di genere. Questo protocollo arriva a conclusione di una lunga ed elaborata procedura, ed è la prima iniziativa nazionale in questi termini. Il secondo ringraziamento va dunque a tutti i colleghi che hanno partecipato con attenzione e sensibilità a questo lavoro. E', questa, una linea di tendenza che vede i nostri uffici molto impegnati nella tutela delle vittime di violenza".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A spaventare i residenti è la cantierizzazione dei lungarni ma anche l'impatto che la nuova infrastruttura avrà sulla viabilità interna della zona
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità