Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:45 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 04 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il robot umanoide cinese (concorrente di Tesla) batte il record di velocità

Cronaca venerdì 17 marzo 2023 ore 19:00

Ambientalisti imbrattano Palazzo Vecchio

Storia Instagram - Ultima Generazione

Il sindaco Nardella è intervenuto personalmente per fermare gli attivisti di Ultima Generazione. Le immagini del blitz virali sui social



FIRENZE — Hanno vistosamente imbrattato di vernice arancione Palazzo Vecchio e sono stati fermati personalmente da alcuni vigili e dal sindaco, Dario Nardella, che in quel momento si trovava in piazza della Signoria. Quando il primo cittadino si è accorto dei due attivisti del gruppo Ultima Generazione, una ragazza di 23 anni e un giovane di 32, che spruzzavano la vernice sulle pietre della facciata del Palazzo è accorso sull'Arengario insieme ad alcuni vigili urbani e li ha bloccati, inveendo contro di loro, furibondo.

I due ambientalisti sono stati contestati e fischiati anche da molti turisti e fiorentini che hanno assistito all'imbrattamento.

Il blitz è scattato alle 10 e 30 ed è stato rivendicato ufficialmente da Ultima Generazione, gruppo che si definisce di "disobbedienza civile nonviolenta contro il collasso ecoclimatico", nell'ambito della campagna "Non paghiamo il fossile". A indurre i giovani a prendere di mira Palazzo Vecchio sarebbe stata la bocciatura da parte della commissione bilancio del Senato di alcuni emendamenti durante la conversione in legge del decreto che contiene alcune disposizioni urgenti per l'attuazione del Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, e del Piano nazionale degli investimenti complementari al Pnrr, nonche di alcune misure di politiche di coesione e della politica agricola comune.

Le operazioni di pulizia di Palazzo Vecchio sono scattate immediatamente. Anche il sindaco di Firenze è salito su un ponteggio mobile munito di tubo dell'acqua e spazzola per contribuire alla rimozione della vernice, lavabile ma da rimuovere molto velocemente per scongiurare danni all'edificio. In due ore la facciata è stata completamente ripulita. 

“La violenza contro l’arte, la cultura e la bellezza, che sono inermi e che nascono per il bene dell’umanità, non può mai giustificare la battaglia per una causa, anche la più condivisibile - ha detto il sindaco Nardella -. Sono dei barbari incivili, non è così che si manifestano le proprie idee, non è violentando il patrimonio culturale e la bellezza. A Firenze non ci sarà mai spazio per l’inciviltà. Ero a fare un sopralluogo ai restauri ai gruppi scultorei in piazza della Signoria - racconta - quando ho visto gli agenti della Polizia municipale che stavano correndo verso l’arengario: c’erano due persone che stavano imbrattando la facciata di Palazzo Vecchio. D’istinto mi sono gettato su uno dei due per bloccarlo. Siamo stati fortunati perché sul posto erano presenti i restauratori che si sono messi tutti al lavoro per lavare la facciata con gli idranti, insieme con i tecnici della Fabbrica di Palazzo Vecchio, la Polizia municipale e i Vigili del fuoco. Anch’io ho dato una mano. Hanno aiutato anche la vicesindaca Alessia Bettini e il consigliere Mirko Rufilli. Ci hanno spiegato che occorreva togliere rapidamente la vernice per evitare che seccasse e provocasse danni ulteriori”.

Per i due giovani è scattata la denuncia per il reato di imbrattamento a edifici di rilevanza culturali o paesaggistici che prevede una pena dell’arresto da 6 mesi a 3 anni, per manifestazione non autorizzata con pena prevista l’arresto fino a 6 mesi e l’ammenda da 103 a 413 euro, per il mancato rispetto del foglio di via emesso dal questore per tre anni con pena prevista dell’arresto da 1 a 6 mesi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno