Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE11°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Cronaca sabato 18 settembre 2021 ore 19:30

Chi era l'operaio morto tra i rulli

Sesta vittima sul lavoro in due settimane in Toscana. Era originario della Sicilia, viveva a Prato. Il corpo estratto dal macchinario dai colleghi



CAMPI BISENZIO — La procura di Firenze ha disposto l'autopsia sul corpo di Giuseppe Siino, l'operaio di 48 anni morto venerdì sera verso le 21,30 durante il turno serale, in un'azienda che produce moquette a Campi Bisenzio.

Siino era originario della Sicilia ma risiedeva a Prato. Lascia una moglie ed una figlia di 13 anni.

L'uomo sarebbe rimasto schiacciato in un macchinario con i rulli, in modo mortale. Il macchinario è stato sequestrato. L'operaio avrebbe trovato la morte a causa del trauma toracico provocato dallo schiacciamento e sarebbe morto sul colpo. Il corpo senza vita è stato estratto dai colleghi. Inutili i tentavi di rianimare Siino da parte dei soccorritori del 118, tentativi durati quasi un'ora.

La pm Ornella Galeotti, che conduce le indagini, ieri sera ha fatto una perlustrazione sul luogo dell'incidente. Con lei i carabinieri e gli ispettori Asl. Il macchinario sequestrato non presenterebbe segni di manomissione.

Si tratta del sesto morto sul lavoro in due settimane in Toscana e il 25esimo dall'inizio dell'anno.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incendio è divampato in piena notte nell'appartamento al terzo piano, coinvolgendo anche quello al piano superiore. Entrambi sono inagibili
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

STOP DEGRADO