Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:FIRENZE14°24°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Taormina, ubriaca al volante perde il controllo e va a sbattere in galleria: le immagini dell'incidente

Attualità martedì 13 dicembre 2022 ore 17:43

Strage di piazza Dalmazia, il ricordo a Firenze

Il 13 Dicembre 2011, Samb Modou e Diop Mor, morivano in strada raggiunti da colpi di pistola. Paura e terrore in città durante la caccia all'uomo



FIRENZE — Firenze ha ricordato nell'anniversario della strage di piazza Dalmazia, avvenuta il 13 Dicembre 2011, Samb Modou e Diop Mor, i due senegalesi morti per mano di Gianluca Casseri.

“Firenze non dimentica la drammatica giornata del 13 dicembre 2011, vivendola ancora come una ferita al cuore. Per la nostra comunità si tratta di una ferita difficile da risarcire. Non dimenticheremo mai quello che è accaduto in piazza Dalmazia e siamo vicini alla comunità senegalese e a Kene Mbengue” ha detto l’assessore a Welfare Sara Funaro.

Alla cerimonia, che si è svolta intorno alla targa che nella piazza ricorda l’assassinio di Samb Modou e Diop Mor, oltre all’assessore Funaro, erano presenti tra gli altri i presidenti dei Quartieri 4 e 5 Mirko Dormentoni e Cristiano Balli, alcuni consiglieri comunali, i rappresentanti delle autorità civili e militari e delle comunità religiose cittadine.

“Siamo vicini alla comunità senegalese - ha detto Funaro -. I fiorentini sono contro la violenza, l’odio e qualsiasi forma di discriminazione. Firenze è città di pace e speranza e l’inclusione e la coesione sono tra i nostri valori principali. Siamo convinti che lavorando sulla sensibilizzazione, soprattutto tra i giovani, si possa riuscire a combattere le tante forme di odio che purtroppo sono presenti nella società in cui viviamo”. “Con la comunità senegalese c’è collaborazione - ha concluso Funaro -: è obiettivo comune la parità dei diritti e l'inclusione; è su di essi che deve continuare a fondarsi la comunità fiorentina”.

“Dopo undici anni è sempre importante mantenere vivo il ricordo di quanto è successo - ha dichiarato il presidente del Quartiere 5 Cristiano Balli -. Per il nostro Quartiere come per tutta la città di Firenze resta un impegno preciso continuare a ricordare e non smettere di lottare contro ogni forma di razzismo”. 

"Il mio pensiero va a quel tragico 13 dicembre di 11 anni fa. Ricordare quanto accaduto in piazza Dalmazia a Samb Modou e Diop Mor, due ragazzi vittime di odio razziale uccisi per mano razzista, è per me un imperativo morale. Non possiamo restare indifferenti, impegniamoci nel riscoprire i valori di amore e solidarietà rifuggendo ogni discriminazione" sono state le parole del presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno