comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 12°24° 
Domani 13°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 27 maggio 2020
corriere tv
Sala: «Ci sono Regioni che non vogliono i milanesi. Me ne ricorderò quando andrò in vacanza»

Attualità venerdì 03 gennaio 2020 ore 17:46

Dipinti acquistati dagli Uffizi fanno gola a Siena

Si tratta di due opere di Daniele Da Volterra. Il sindaco De Mossi ricorda che alcuni esperti vorrebbero la loro collocazione nella Pinacoteca senese



SIENA — Il Comune di Siena sta valutando con attenzione la vicenda che riguarda i due dipinti di Daniele da Volterra “Elia nel deserto” e “Madonna con Bambino, san Giovannino e santa Barbara", acquistati dagli Uffizi, uno nel 2018 l’altro nel 2019.

"Nel complimentarci con l’importante operazione culturale effettuata dal direttore degli Uffizi Eike Schmidt - ha commentato il sindaco Luigi De Mossi, attraverso il suo portavoce -, dobbiamo sottolineare che l’appello del grande gruppo di intellettuali uscito in questi giorni sulla stampa specializzata in merito alla collocazione dei dipinti alla Pinacoteca Nazionale di Siena non può rimanere soltanto un dibattito di altissimo livello per gli addetti ai lavori".

"Il tema culturale, che non riguarda solo una visione strapaesana o campanilistica - ha aggiunto il primo cittadino -, è quello centrale della collocazione sul territorio nazionale, nel giusto contesto storico e culturale nel quale tutte le opere sono state pensate, elaborate e destinate. Pur consapevoli dell’acquisizione da parte di uno dei musei più prestigiosi del mondo - gli Uffizi - il tema cui non ci vogliamo sottrarre e sul quale sarà necessario un approfondito ragionamento è la collocazione più propria delle opere d’arte in campo nazionale per creare collegamenti, opportunità e riflessioni che abbracciano tutta l’Italia se non l’Europa, perché, in particolare il nostro Paese, ma più in generale la Comunità diventi un’occasione culturalmente elevata ed anche filologica e non egoistica per una visione ed uno studio correttamente collocati nei singoli territori".

"Nel ribadire il grande apprezzamento per l’operazione svolta dal museo degli Uffizi che ha salvato da un godimento squisitamente privato due opere di grande pregio - ha concluso De Mossi -, ribadiamo che è necessaria una riflessione, anche a livello ministeriale, per ragionare sulla più corretta allocazione delle due opere in questione, tenuto anche conto che la collezione Spannocchi troverà una sede definitiva nel museo comunale del Santa Maria della Scala. Un rapporto ancora più strategico con la Pinacoteca nazionale di Siena potrebbe ovviare a quegli ostacoli anche normativi inerenti la sistemazione delle due straordinarie opere".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca