Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:49 METEO:FIRENZE20°32°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 14 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, Boris Johnson prolunga le ultime restrizioni al 19 luglio

Politica venerdì 08 aprile 2016 ore 16:00

Un candidato contro l'inceneritore

Quercioli e la sua coalizione

Maurizio Quercioli corre come sindaco e si scaglia contro il nuovo aeroporto e il termovalorizzatore sulla Piana. "Le due opere distruggerebbero Sesto"



SESTO FIORENTINO — “Noi vogliamo portare avanti la battaglia iniziata due anni fa sul territorio sestese, proseguita in Consiglio comunale e basata sul recupero della qualità di vita nella nostra città contro l'idea dell'inceneritore sulla Piana e del nuovo aeroporto che porterebbero alla distruzione dell'intero territorio di Sesto”.

Sono queste le parole d'esordio del candidato a sindaco di Sesto Fiorentino Maurizio Quercioli. Una lista civica trasversale, come la definisce lo stesso candidato, sostenuta da Sesto Bene Comune, Alternativa Libera, Possibile e Rifondazione.

“Una battaglia non contro - ha proseguito Quercioli - ma per. Perché noi pensiamo che le alternative che proponiamo per queste due infrastrutture diano maggior qualità alla proposta stessa e all'uso stesso del territori, e al tempo stesso qualificherebbero il territorio".

Quercioli definisce queste scelte "sciagurate" e afferma che bloccarle "Premetterebbe di valorizzare anche quello che di buono c'è come il Polo Scientifico, le oasi naturali, ma anche i molti reperti archeologici dislocati sulla Piana, che potrebbe essere valorizzata sul piano culturale e naturale”.

“Questa è l'ultima possibilità che i cittadini di Sesto hanno - sottolinea Quercioli - perché se voteranno le stesse forze che hanno fatto le scelte la distruzione sarà confermata. Loro mitigano ma non tolgono. Noi diciamo di non fare e di fare un'altra cosa”.

Oltre a inceneritore e aeroporto Maurizio Quercioli ricorda che ci sono anche altri problemi con i quali deve fare i conti Sesto.

“C'è il problema del centro storico, c'è il problema del lavoro, della cultura, ma se non non blocchiamo quel tipo di scelta, tutti gli altri diventeranno secondari. Se la qualità della vita diminuirà nel nostro comune, verranno meno anche certi elementi aggregativi caratteristici del nostro territorio”.

Quercioli spiega quindi perché sono più liste a sostenerlo: “Ci saranno più liste perché noi pensiamo a una valorizzazione dell'aspetto civico. Sono i cittadini di Sesto che riprendono in mano il loro futuro, indipendentemente dalla loro ideologia e dal pensiero politico generale. In questa fase prioritario è salvare il territorio di Sesto”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il distacco è avvenuto da un antico palazzo del centro storico. L'intervento dei vigili del fuoco è stato effettuato tra i tavolini della piazza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Lavoro