Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:24 METEO:FIRENZE10°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Cronaca lunedì 14 agosto 2017 ore 14:57

​Orchidee al mercato per dire addio a Niccolò

Un telo verde e la scritta "Chiuso per grave lutto" sul banco di ortofrutta al Mercato Centrale dove lavorava il giovane ucciso a calci in Spagna



FIRENZE — Il Mercato Centrale è il solito formicaio di persone, turisti soprattutto, che ronzano attorno ai banchi di prodotti tipici. Molti sono in ferie, ma chi è aperto ancora stenta a credere a quello che è accaduto a Lloret de Mar. Il banco di ortofrutta al Mercato Centrale di Firenze dove lavorava Niccolò Ciatti, il 22enne ucciso a calci e pugni in una folle notte in discoteca, però sta lì a ricordare che purtroppo è tutto vero. Un telo verde lo ricopre e sopra, sulle scatole della frutta ribaltate, la scritta "Chiuso per grave lutto". Attorno, le orchidee bianche sistemate dal collega Giorgio che gestisce il banco vicino. "L'ho saputo stamani quando sono tornato a lavoro, non ci volevo credere".

I colleghi del mercato descrivono Niccolò come un ragazzo tranquillo, certo non un attaccabrighe. "Ormai era Niccolò a portare avanti l'attività del banco - è il commento dei colleghi - la zia forse avrebbe anche chiuso, ma Niccolò le aveva detto che ci avrebbe pensato lui".

La vita di Niccolò, però, si è interrotta all'improvviso per una rissa, per quelle botte e quei calci incassati sotto gli occhi di chi si trovava nella discoteca di Lloret de Mar dove in tre gli si sono avventati contro. Per la sua morte la polizia spagnola ha fermato tre ragazzi ceceni di 20, 24 e 26 anni. Il padre, intervistato al Tg1, ha detto di chi lo ha ucciso: "Non sono essere umani ma bestie che hanno ammazzato mio figlio come un sacco di patate, non posso dire neanche come un cane perché neanche un cane si merita una fine così". E "la cosa triste" vedendo il video dell'aggressione, è che "che tutti, tutti sono stati a guardare impotenti, sarebbe bastato che forse qualcuno intervenendo poteva risparmiargli quelle pedate sulla testa, quelle botte al cuore che me l'hanno ammazzato". La fidanzata su Instagram ha definito Niccolò un "gigante buono". Sui social la ragazza ha postato una serie di foto della coppia nei momenti trascorsi insieme insieme ad alcuni messaggi. Nell'ultimo, scritto da lui, si legge "Sei unica". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Due uomini di 23 e 27 anni rintracciati al pronto soccorso dopo il tafferuglio. Sono stati denunciati per lesioni personali aggravate
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cultura